Allerta Coronavirus, la richiesta della Regione. Donatella Tesei: “Collaborazione dalle cliniche private”

La governatrice dichiara: “Appare chiaro che il sacrificio richiesto in questo momento di difficoltà si rende necessario per garantire alla nostra comunità cure adeguate”

Donatella Tesei

“Appare chiaro che il sacrificio richiesto in questo momento di difficoltà si rende necessario per garantire a tutta la nostra comunità cure adeguate ed assistenza continuativa”. Lo dichiara la presidente della Regione Umbria Donatella Tesei a seguito dell’emergenza sanitaria che sta attraversando il nostro paese. “Ringrazio fin da ora per il fattivo ed importante contributo che le strutture contattate vorranno dare allo sforzo in atto per il contenimento e la cura della pandemia. Ora, più che mai, è necessario fare squadra. Sono certa che ognuno di noi sia pronto a fare la propria parte per il bene comune”.

La richiesta ad alcune strutture sanitarie private

A tal proposito la Regione Umbria ha chiesto ad alcune strutture sanitarie private - Lami, Porta Sole, Liotti, Villa Fiorita, Villa Aurora - la disponibilità a fornire ai servizi delle aziende sanitarie pubbliche alcuni dispositivi e apparecchiature utilizzate nelle sale operatorie e qualunque altra strumentazione utile per l’assistenza a pazienti da destinare a terapie sub-intensive e/o intensive. Il tutto prendendo atto che è già stata data indicazione dalla Regione alle strutture sanitarie private di sospendere tutte le attività programmate e procrastinabili, fatte salve, quindi, le urgenze in atto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si tornerà in "zona arancione". Domani l'ordinanza che farà retrocedere l'Umbria

  • Lutto a Terni, è scomparso Mauro Moretti noto ristoratore di una storica attività del territorio

  • La storia | "I miei inquilini sono morosi da mesi. Sto pagando tutto io". Lo sfogo di una cittadina di Terni

  • Da San Gemini alla Siberia, la storia d’amore e l’annuncio di Lorenzo Barone: “Mi sposo con Aygul”

  • Terapie intensive, ricoveri ordinari e indice Rt: ecco perché l’Umbria rischia il “cartellino” arancione

  • Inizia il week-end "arancione". Ecco cosa si potrà fare e cosa no

Torna su
TerniToday è in caricamento