rotate-mobile
Martedì, 31 Gennaio 2023
Notizie dall'Umbria

Incubo bolletta metano, nonna litiga con il nipote perché ha riscaldato la cameretta e poi chiama la polizia

L'anziana signora terrorizzata per il caro-bolletta ha chiesto aiuto agli agenti per far capire al nipote il momento difficile

Il caro-bollette e la difficile crisi da Covid - la pandemia che ancora ci condiziona la vita - non solo stanno impoverendo sempre di più le famiglie ma rischia di dividerle, di minarne l'unità. Un esempio arriva da un intervento che ha effettuato la Polizia di Perugia in un appartamento ad Elce per riportare la serenità tra una nonna di 91 anni e un nipote che vive con lei. Un diverbio qualche parola di troppo: niente di più. L'anziana ha richiesto l'intervento degli agenti per far capire al giovane che non si può sprecare l'energia. Di contro il nipote ha spiegato che sentiva troppo freddo e che aveva acceso l'asciugacapelli per un po' di calore da immettere nella sua gelida stanza. Purtroppo non si tratta del primo caso a Perugia. La paura di non riuscire a fronteggiare il caro-bolletta si sta diffondendo. Non a caso la richiesta di aiuto più rilevante agli sportelli della Caritas è relativa al pagamento in parte o in toto dei servizi essenziali come luce e gas. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Incubo bolletta metano, nonna litiga con il nipote perché ha riscaldato la cameretta e poi chiama la polizia

TerniToday è in caricamento