rotate-mobile
Notizie dall'Umbria

Corciano: "Mi ha rubato l'auto e l'ha venduta, tenendosi i soldi", ma è tutto falso: processata

La donna voleva vendicarsi dell'ex fidanzato, ma l'acquirente dell'auto ha confermato di aver preso la vettura dalla donna che ha anche incassato l'assegno

Accusa l’ex di averle preso l’auto di averla venduta, ma è una vendetta che la porta direttamente in tribunale con l’accusa di calunnia.

Una donna di 50 anni, difesa dall’avvocato Cesare Carini, è finita davanti al giudice del Tribunale di Perugia “perché con denuncia-querela presentata ai Carabinieri di Corciano, incolpava pur sapendolo innocente, l’ex fidanzato”. Nella querela, sporta il 16 ottobre del 2015, avrebbe affermato che l’ex fidanzato si sarebbe impossessato dell’autovettura della donna e “di averla venduta senza il suo consenso, impossessandosi della somma di 2.200 euro derivante dalla compravendita”.

Dagli accertamenti dei Carabinieri sarebbe emerso, però, che la “circostanza era contraria al vero” in quanto la vettura era stata venduta con l’autorizzazione della proprietaria e “che la somma di denaro pari a 2.200 euro era stata pagata” dall’acquirente con un assegno che l’imputata aveva poi versato sul proprio conto corrente. Da qui la denuncia per calunnia, avendo accusato falsamente l’ex fidanzato, il quale non si è costituito parte civile.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Corciano: "Mi ha rubato l'auto e l'ha venduta, tenendosi i soldi", ma è tutto falso: processata

TerniToday è in caricamento