rotate-mobile
Giovedì, 30 Maggio 2024
Notizie dall'Umbria

Umbria, bonus neo mamme: contributo di 1.200 euro. Come funziona e come fare domanda

Il "Bonus Neo mamme" della Regione Umbria diventa operativo. Ecco come funziona, chi può fare domanda e come richiedere il contributo

Il "Bonus neo mamme" della Regione Umbria diventa operativo. Ecco come funziona, chi può fare domanda e come richiedere il contributo. 

Come fare domanda 

Come funziona il bonus 

Cosa prevede il bonus e a chi è rivolto 

La graduatoria  

Il nuovo bonus

"Abbiamo deciso di introdurre una nuova misura a favore delle famiglie, oltre a quelle già esistenti. Si tratta di un bonus alle neo mamme affinché possano conciliare al meglio, durante il primo anno di vita del bambino, le nuove esigenze familiari con quelle lavorative". Ad annuncia è la presidente della Regione Umbria, Donatella Tesei, a seguito dell’approvazione in giunta del nuovo bonus.

"La misura – sottolinea la Tesei – nasce dall’analisi degli indicatori demografici umbri che disegnano uno scenario allarmante con un trend calante della natalità, in linea con il contesto nazionale e di molti Paesi europei. Nei primi sei mesi del 2022 le nascite sono calate del 5,1% rispetto al 2021, mentre il tasso di fecondità (numero medio di figli per donna) nel 2021 si è attestato a 1,17, vale a dire ben al di sotto della soglia che assicura il ricambio generazionale (almeno 2,1 figli per donna)".

Per la presidente "l’inversione di rotta sociodemografica in Umbria è da tempo una priorità, rispetto alla quale dobbiamo continuare ad intervenire con tempestività a supporto delle famiglie. In questo qualche segnale incoraggiante arriva a livello di residenti in Umbria dagli ultimi dati disponibili (primo semestre 2022). Spesso queste dinamiche – ha rilevato - dipendono anche dalle incertezze economiche e sociali delle donne e dei giovani, nonché dalle difficoltà di questi ultimi ad accedere e rimanere nel mondo del lavoro. La nascita di un figlio ha, infatti, un impatto economico importante nel nucleo familiare e sulla vita lavorativa".

E ancora: "La Regione ha così deciso, sin dagli anni scorsi, di investire – ha ricordato la presidente Tesei - su azioni organiche di sostegno alle famiglie, ai giovani adulti e all’infanzia, perché questo vuol dire investire nel futuro dell’Umbria e del Paese. Per questo abbiamo previsto una ampia offerta di servizi a partire da quelli per la prima infanzia fino ad arrivare alle molteplici misure di sostegno messe in atto nell’area sociale e socio educativa, nonché al ‘Bonus bebè’. Con questo nuovo intervento varato oggi, il “Bonus neo mamme” – conclude - , si intende intervenire anche a supporto delle donne nel loro duplice ruolo di madri lavoratrici o in cerca di lavoro, attraverso un sostegno economico che viene riconosciuto nel primo anno di vita del bambino”.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Umbria, bonus neo mamme: contributo di 1.200 euro. Come funziona e come fare domanda

TerniToday è in caricamento