rotate-mobile
Venerdì, 21 Gennaio 2022
Notizie dall'Umbria

Ruba il gas per scaldare la casa e il figlio piccolo: invalido sotto processo

L'uomo pur lavorando in una cooperativa aveva avuto problemi economici ed era stato sigillato il contatore

Utilizzava il gas senza pagare le bollette. È finito sotto processo per furto e per aver rotto i sigilli che erano stati apposti al contatore.

L’uomo, difeso dall’avvocato Fabio Antonioli, ha commesso un reato (anche se spetta al giudice stabilirlo), ma lo ha fatto per un motivo e non per una colpa (se le difficoltà economiche, o la povertà, possono definirsi colpa): da padre di famiglia era preoccupato per il figlio piccolo che nel pieno dell’inverno sentitva freddo e lui non poteva accendere il riscaldamento con il contatore bloccato.

Secondo l’accusa, infatti, l’uomo avrebbe rotto i sigilli del contatore del gas e riacceso i termosifoni. Quindi furto di gas per aver utilizzato la fornitura e violazione di sigilli.

La difesa, invece, sostiene lo stato di necessità dovuto ad una lunga serie di causa: l’imputato è invalido gravissimo e lavora in una cooperativa (non guadagnando poi chissà quanto), aveva avuto difficoltà a pagare l’affitto e le utenze, così si era ritrovato al freddo, con un figlio piccolo da tenere al caldo. E non ci ha pensato su più di tanto nel riattivare la fornitura, non potendo lasciare il figlio al freddo dell’inverno.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ruba il gas per scaldare la casa e il figlio piccolo: invalido sotto processo

TerniToday è in caricamento