rotate-mobile
Mercoledì, 22 Maggio 2024
Notizie dall'Umbria

Fondazione Usura, 120mila euro per aiutare chi è in difficoltà con i costi della casa: come fare per il contributo

Varati anche due progetti per il sovraindebitamento e per l’educazione finanziaria nella scuola

La Fondazione Umbria Prevenzione Usura lancia tre iniziative: Piano Casa 2024, Tutela del sovrindebitato, Educazione finanziaria. Le informazioni sono disponibili nel sito della Fondazione.

Piano Casa 2024

L’esperienza maturata con i progetti Bonus Bollette 2022 e Caro Vita 2023 ha suggerito di intervenire in sostegno delle famiglie umbre con riguardo alle spese per la casa. Infatti, la stragrande maggioranza delle domande di assistenza che arrivano alla Fondazione, riguardano la casa (Imu, Tari, condominio, mutuo, locazione, utenze domestiche, spese per piccole riparazioni...). Il progetto si avvarrà del contributo straordinario della Regione dell’Umbria per un importo pari a 50mila euro e di quello della Consulta delle Fondazioni delle Casse di risparmio dell’Umbria che, anche quest’anno, ha voluto contribuire con 70mila euro. Un budget complessivo, quindi, di 120mila euro, con un contributo stanziabile per ciascuna domanda di 1.500 euro alle condizioni precisate nel bando.

Tutela del sovrindebitato

Con legge regionale 18/2021, la Regione Umbria aveva già affidato alla Fondazione Umbria Prevenzione Usura la gestione dei fondi stanziati per favorire l’accesso alle procedure previste dal codice della crisi d’impresa e del sovraindebitamento. Sicché, nel 2023, la Fondazione aveva sviluppato e avviato il progetto Tutela del sovraindebitato, gestendo un fondo disponibile di 40mila euro. Con la successiva legge regionale 17/2023 e la sottoscrizione della nuova convenzione, questa collaborazione si è rinsaldata, consentendo per il 2024 alla Fondazione di erogare un contributo a fondo perduto, fino a un massimo di 5mila euro, per far fronte ai costi di avvio della procedura, talvolta proibitivi per chi già si trova in condizione di sovraindebitamento.

Educazione finanziaria

Il progetto, strutturato in collaborazione con la Regione Umbria e con l’ufficio scolastico regionale, prevede un programma di incontri con gli studenti delle classi superiori delle scuole dell’Umbria per diffondere principi di educazione finanziaria e risparmio ai ragazzi, con la partecipazione di esperti delle istituzioni, nella consapevolezza che i giovani sono anche il miglior veicolo di educazione per i genitori.

Fausto Cardella, presidente della Fondazione Umbria Prevenzione Usura, esprime grande soddisfazione per l’avvio di questi progetti: “La nostra regione è prospera e solida e tuttavia una crisi economica può colpire chiunque. Le persone che si rivolgono alla Fondazione ci danno la misura esatta dei problemi e delle necessità delle famiglie umbre. Un pignoramento immobiliare che riguardi la casa dove si vive con la famiglia, i figli, la paura di non avere più un tetto sopra la testa, sono fonte di angoscia e situazioni che difficilmente si possono affrontare da soli”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fondazione Usura, 120mila euro per aiutare chi è in difficoltà con i costi della casa: come fare per il contributo

TerniToday è in caricamento