rotate-mobile
Sabato, 21 Maggio 2022
Notizie dall'Umbria

Invita un'amica a casa per bere e cerca di violentarla, lei lo morde e fugge: processato

La donna si era divincolata e poi chiusa in bagno in attesa dell'arrivo della forze dell'ordine

Invita un’amica a casa, la fa bere e poi tenta di violentarla, ma la ragazza reagisce, lo morde e si chiude in bagno, da dove chiama le forze dell’ordine.

L’imputato, difeso dall’avvocato Debora Colantuoni, è accusato di tentata violenza sessuale aggravata e continuata “poiché con più atti del medesimo disegno criminoso, con violenza, costringeva” una connazionale “a subire atti sessuali contro la sua volontà; in particolare, dopo aver invitato” la ragazza “ a casa propria, cominciava a baciarla e. vistosi respinto, tentava con la forza di aprirle le gambe, poi la spogliava della gonna e degli slip e la portava di peso sul letto” dove cercava di consumare un rapporto sessuale, “desistendo solo per la tenace resistenza della persona offesa, che si divincolava e cercava di fermarlo anche mordendolo sul corpo”, riuscendo a scappare “chiudendosi nel bagno fino all’arrivo dei Carabinieri”.

L’aggravante contestata è quella di “aver commesso il fatto abusando dello stato di alterazione della persona offesa derivante dall’aver ingerito sostanze alcoliche”.

I fatti sono avvenuti a Perugia il 4 settembre del 2011 e la giovane aveva sporto querela due giorni dopo. Tra cambi di giudice e rinvii il procedimento, ad 11 anni dai fatti è ancora al primo grado.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Invita un'amica a casa per bere e cerca di violentarla, lei lo morde e fugge: processato

TerniToday è in caricamento