rotate-mobile
Sabato, 22 Giugno 2024
Notizie dall'Umbria

Iscrizioni “gonfiate” al convitto dell’Agrario: maxi sequestro all’ex preside e all'ex direttore amministrativo

Todi, la procura della Corte dei conti contesta un danno erariale nei confronti di ministero di oltre un milione di euro: più iscritti significava più soldi e più assunzioni di operatori

La guardia di finanza di Perugia e la tenenza di Todi hanno eseguito un sequestro conservativo autorizzato dal presidente della sezione giurisdizionale della Corte dei conti per l’Umbria, su richiesta della procura regionale, sui beni immobili e disponibilità finanziarie dell’ex dirigente scolastico e dell’ex direttore dei servizi generali amministrativi pro tempore dell’istituto agrario della cittadina umbra.

Secondo quanto emerso dalla indagini svolte per un parallelo procedimento penale, i due avrebbero arrecato al ministero dell’istruzione e del merito un danno erariale pari a 1.167.408 euro, per avere il primo, “falsificato i dati relativi agli ospiti dell’annesso convitto femminile e dei semi-convittori (coloro che usufruiscono del servizio mensa)” e il secondo “omesso il controllo e la denuncia, al fine di ottenere un numero maggiore di educatori scolastici da impiegare nei servizi di vigilanza” sugli studenti.

Dalle indagini delegate dalla procura regionale alla tenenza della guardia di finanza di Todi, sarebbe emerso che i due dirigenti avrebbero indicato, nelle comunicazioni dirette all’ufficio regionale scolastico per l’Umbria, un numero di ospiti del convitto femminile e di semiconvittori superiore a quello effettivo (50 ospiti in luogo di una media reale di 35) per gli anni scolastici dal 2016/2017 al 2021/2022, in modo da ottenere un aumento delle dotazioni organiche di educatori scolastici, pari complessivamente 38 educatori a tempo indeterminato e supplenti.

Il presidente della sezione giurisdizionale, pronunciandosi sul ricorso presentato dalle parti, ha confermato il sequestro ritenendo sussistenti i due presupposti di legge, cioè, il rischio effettivo che il presunto responsabile possa compiere atti di disposizione in grado di diminuire la garanzia patrimoniale e l’esistenza di elementi in grado di far ritenere motivata e fondata la pretesa erariale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Iscrizioni “gonfiate” al convitto dell’Agrario: maxi sequestro all’ex preside e all'ex direttore amministrativo

TerniToday è in caricamento