rotate-mobile
Venerdì, 20 Maggio 2022
Notizie dall'Umbria

Mutuo con il trucco, il Tribunale blocca pignoramento da 2 milioni di euro: "Regole violate"

Secondo il giudice non sarebbe provata la cessione del credito dalla banca alla società e manca la perizia sull'immobile pignorato

La banca cede il credito ad una società finanziaria veicolo e scatta un precetto per 2 milioni di euro, ma il giudice blocca tutto: violate tutte le regole.

La vicenda nasce quando una società perugina stipula un mutuo per l’acquisto di un immobile con una banca. Credito classificato “a sofferenza” e che ad un certo punto l’istituto di credito cede ad una società, la quale a “titolo di rate scadute e interessi moratori” chiede il pagamento di 2.291.728,04euro.

La società debitrice, difesa dall’avvocato Daniele Fantini, si rivolge al Tribunale di Perugia e contesta il precetto con diverse motivazioni: in primo luogo non sarebbe stata comunicata la cessione del credito, ma solo pubblicata nella Gazzetta Ufficiale, quindi non è provata la titolarità del credito; mancanza del deposito cauzionale infruttifero al momento della stipula a copertura di eventuali inadempienze; nullità del mutuo in quanto sarebbe stata superata la soglia massima di finanziamento dell’80%, calcolato senza effettuare la perizia sull’immobile; incertezza nella quantificazione degli interessi moratori, pari a 954.660,04 euro; indeterminatezza del tasso d’interesse; valutazione di un eventuale danno derivante dall’incasso di oltre 2 milioni di euro da parte di una società finanziaria con un capitale sociale di appena 10mila euro, qualora fosse costretta a dover restituire la cifra del precetto.

Il giudice del Tribunale civile di Perugia ha sospeso l’efficacia esecutiva del precetto e del mutuo fondiario ritenendo che non “appare provata la cessione del credito in favore della società veicolo in dispregio alla normativa di settore”; non è stato dimostrato “dalla cessionaria il non superamento del limite di finanziabilità” contestato con precisazione che non è stata prodotta dalla banca la perizia di stima dell’immobile dell’epoca del mutuo; sussiste “un grave pregiudizio perché la società veicolo ha un capitale sociale modesto” a fronte di un precetto di più di 2 milioni di euro.

La società di recupero crediti aveva avviato anche il pignoramento immobiliare, ma adesso verrà bloccato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mutuo con il trucco, il Tribunale blocca pignoramento da 2 milioni di euro: "Regole violate"

TerniToday è in caricamento