rotate-mobile
Venerdì, 14 Giugno 2024
Notizie dall'Umbria

La storia di Francesca Paoletti: il brillante talento di Perugia che ha conquistato L’Eredità

La giovane perugina ha vinto 100mila euro partecipando al celebre game show di Rai 1

Il cinema e la letteratura sono fra le sue passioni e con lei non si parla solo di televisione, che l’ha messa al centro dei riflettori della cronaca locale, ma si aprono dialoghi sui massimi sistemi. Sulla città di Perugia, sui quartieri, sulle scelte di vita, sul tempo che scorre e, appunto, sulla settima arte.

La perugina Francesca Paoletti non è solo colei che ha vinto 100mila euro all’Eredità, programma cult in onda su Rai 1, ma è prima di tutto una delle menti migliori della nuova generazione.

Il suo intuito, il suo acuto intelletto e la preparazione accademica hanno fatto sì che a soli 25 anni vincesse una somma altissima in un game show che richiede prima di tutto virtù e solo dopo una buona dose di fortuna. Da pochi giorni si è conclusa quella che Francesca ha descritto come “l’esperienza più bella della sua vita” che, iniziata senza grandi aspettative, si è rivelata poi una fonte di nuove amicizie e prospettive.

“Ho sempre guardato l’Eredità con mia nonna e anche quando eravamo lontane al momento della ghigliottina ci chiamavamo al telefono”, racconta Francesca. È stata proprio nonna Rita a incoraggiarla a partecipare allo spettacolo, vedendo quanto fosse brava a indovinare le parole del gioco da casa.

Dopo aver conseguito la laurea in filologia moderna all’Università di Perugia, Paoletti ha seriamente considerato l’idea di fare il provino, un provino che ha riscosso un grande successo e per il quale è stata subito chiamata dagli studi televisivi della Rai di Roma.

“Pensavo di essere eliminata alla prima puntata e, anche se in televisione sembravo calma e concentrata, dentro ero agitata e molto ansiosa”, spiega Francesca. Nelle puntate successive, però, non solo ha iniziato a divertirsi, ma anche a stringere amicizie con tutto lo staff del programma e con gli altri concorrenti. “Un ambiente umano, per niente competitivo, dove tutti lavoravano per far sentire i concorrenti a proprio agio - continua Francesca - Quando sono uscita dal gioco, è rimasta in me la tristezza di interrompere quella che ormai era divenuta una quotidianità, anche se la stanchezza di registrare le puntate e rimanere in piedi per molte ore iniziava a farsi sentire”.

Da qualche giorno è tornata a casa e seduta al tavolino di un bar del centro storico di Perugia viene riconosciuta dai telespettatori che le fanno i complimenti. Pur essendo timida, ama conversare con tutti e ascoltare le storie degli altri. È particolarmente piacevole parlare con lei di cinema, discutendo appassionatamente di registi come Martin Scorsese e Yorgos Lanthimos.

Francesca spera di costruire la sua carriera senza dover lasciare la città in cui è nata, le piacerebbe occuparsi del settore cinematografico contribuendo alla scena culturale di Perugia. Con il suo acuto intuito e la sua intelligenza vivace, non c’è dubbio che continuerà a distinguersi, illuminando la vita culturale e intellettuale della sua comunità.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La storia di Francesca Paoletti: il brillante talento di Perugia che ha conquistato L’Eredità

TerniToday è in caricamento