rotate-mobile
Notizie dall'Umbria

Umbria, reddito di cittadinanza: dei 1200 occupabili il 60% non si presente ai colloqui. Uno su tre rifiuta l’offerta

L'assessore regionale Michele Fioroni: "Stiamo constatando che la maggior parte, circa 3 su 4, vorrebbero ricevere un sussidio senza però doversi attivare"

Supporto formazione e lavoro, secondo il Sole 24 Ore l’Umbria ha fatto una partenza sprint, completando in tempi record la presa in carico di tutti i suoi 1.200 soggetti “occupabili” per i quali a luglio e ad agosto è scattato lo stop al Reddito, comunicato dall’Inps.: partenza sprint dell’Umbria.

“Abbiamo voluto subito accogliere queste persone senza perdere tempo, ma stiamo constatando che la maggior parte, circa 3 su 4, vorrebbero ricevere un sussidio senza però doversi attivare - ha dichiarato a Il Sole 24 Ore l’assessore al Lavoro, Sviluppo economico e innovazione della Regione Umbria, Michele Fioroni, commentando l’avvio da ieri della nuova misura sostitutiva del Reddito di Cittadinanza - Siamo partiti prima di tutti, il 21 agosto, convocando quanti non erano già inseriti in percorsi di politica attiva”, ha dichiarato ancora l’assessore".

Dei 1.200 ex percettori del Reddito di cittadinanza “umbri”, riporta l’articolo del Sole 24 Ore, 660 risultavano già inseriti in politica attiva. Dei restanti 540, però, ben il 60% non si è presentato alla convocazione. Del rimanente 40%, addirittura uno su tre si è presentato, ma ha rifiutato i percorsi di attivazione e vorrebbe solo il sussidio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Umbria, reddito di cittadinanza: dei 1200 occupabili il 60% non si presente ai colloqui. Uno su tre rifiuta l’offerta

TerniToday è in caricamento