Sogesi, duecentocinquanta lavoratori con il fiato sospeso: “Sentenza entro due mesi”

Durante il Question Time di stamane alla Regione si è parlato dell’azienda che dispone di un’unità operativa anche a Stroncone

foto di repertorio

Tre unità operative interessate nella regione (Cannara, Ponte San Giovanni e Stroncone ndr) ed un futuro con il fiato sospeso per complessivi duecentocinquanta lavoratori, di cui circa un centinaio appartengono al polo ternano. Nel corso della mattinata odierna, durante il question time, si è affrontato il tema Sogesi ossia la società di gestione servizi integrati di lavanolo e sterilizzazione per la sanità pubblica, privata e per l'industria.

Il consigliere Donatella Porzi del Partito Democratico ha chiesto all’assessore Michele Fioroni di attivare: “Un tavolo per salvaguardare i livelli occupazionali dei siti e chiarire il futuro dell’azienda SoGesi”. Inoltre di spiegare: “Il ruolo della Regione circa il ricorso sulla gara per l’affidamento del servizio di lava-noleggio nelle aziende sanitarie e ospedaliere umbre”

L’assessore Fioroni ha dichiarato che: “La Giunta non ha una posizione ufficiale, ma sta monitorando la situazione, oggetto di un ricorso al Consiglio di Stato la cui sentenza è attesa entro due mesi. La Sogesi, con sentenza definitiva, ha perso la gara nel Lazio. Dal 2018 è iniziato un contenzioso complesso relativo alla gara di Umbria Salute, con ricorsi e perizie esterne. Abbiamo incontrato la proprietà – ha osservato Fioroni - e dalla conclusione della vicenda dipenderanno i futuri piani industriali, dato che i due appalti (Umbria e Lazio) pesavano 26 milioni di euro nel bilancio dell’azienda. I livelli occupazionali, ad eccezione degli interinali, sono rimasti inalterati. Non c’è stato ricorso alla cassa integrazione”.

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: ottanta ternani in isolamento fiduciario. Via libera per chi non è partito del nucleo familiare

  • Cinema Politeama, il gestore getta la spugna: “Investito tanto per rendere viva la città di Terni”

  • Annuncio a sorpresa per il Bugatti di Terni: dopo i tanti attestati di solidarietà spunta la cordata per rilevarlo

  • Coronavirus, i casi sospetti in Umbria mettono in allarme: gli infermieri scrivono alla Regione

  • Ternano nell’area al centro del contagio da Coronavirus: “Paura c’è. La percezione è diversa dalla realtà”

  • Coronavirus, musicista ternano: “Quarantena e precauzioni. Vi spiego le linee guida che ho seguito in Cina"

Torna su
TerniToday è in caricamento