rotate-mobile
Mercoledì, 22 Maggio 2024
Notizie dall'Umbria

Umbria, alta tensione in carcere: gli agenti della penitenziaria sventano una rivolta a Spoleto

I sindacati di polizia esprimono preoccupazione e chiedono interventi

Pomeriggio di alta tensione nel carcere di Spoleto con alcuni detenuti che hanno tentato una rivolta, prontamente sedata dalla polizia penitenziara, ma “la situazione nel carcere di Spoleto, e del personale di polizia penitenziaria che in esso lavora ogni giorno con grande abnegazione ma altrettanto seri pericoli, è veramente al mite della sopportazione. Le autorità amministrative e politiche non si sottraggano alle loro precise responsabilità per assicurare a Spoleto dignità e sicurezza a chi vi in esso lavora e vi è detenuto”. Lo denuncia il Sindacato autonomo polizia penitenziaria, per voce del segretario nazionale dell’Umbria Fabrizio Bonino, che ricostruire le ore di folla e violenza vissute.

“Nel tardo pomeriggio di venerdì 3 maggio, quattro detenuti (di cui due di origini campana e due sudamericani) hanno tentato di porre in essere una rivolta, posizionandosi presso il cancello d’ingresso della Sezione: e due di loro, armati di spranghe di legno ricavate dai tavoli in uso presso le celle e con minacce di morte rivolte al personale presente, ne impedivano l’ingresso, tentando anche di colpire l’ispettore coordinatore della sorveglianza generale che nel frattempo era intervenuto sul posto”.

Bonino precisa che “i detenuti in questione pretendevano di parlare immediatamente con la Direttrice dell’Istituto e, pur essendo stati informati che la stessa non era più in loco, a nulla sono valsi i tentativi di mediazione del personale di polizia presente, tanto da dover richiedere l’intervento del sostituto commissario, in questi giorni facente funzioni di Comandante che dopo ore di trattative, riusciva a far desistere i rivoltosi dal proseguire nella loro condotta. È solo grazie alla grande esperienza e professionalità dei Baschi azzurri che la situazione non è degenerata con esiti ancor più nefasti ma resta il rammarico e la consapevolezza che a fronte di condotte così gravi non è stato neanche possibile applicare un regime di isolamento precauzionale per carenza di stanze singole dovuta al sovraffollamento della sezione di appartenenza dei detenuti rivoltosi”.

Il sindacalista denuncia che “da lungo tempo, non solo il Sappe ma anche la direzione dell’istituto ed ultimamente perfino la magistratura di sorveglianza hanno sostenuto l’esigenza di una riduzione della presenza di detenuti appartenenti al circuito di media sicurezza per una condizione di oggettivo sovraffollamento dell’unica sezione destinata a tale circuito ed oggi uno sfollamento è quanto mai necessario. Con le migliaia di giornate di congedo e riposi settimanali arretrati e le migliaia di ore di straordinario rese oltre il limite individuale e neanche retribuite, non sono più accettabili condizioni di lavoro rese ancor più precarie da una carenza di personale che si attesta al 40% ed addirittura in assenza di un comandante titolare oramai da 4 mesi e senza vedere la possibilità una soluzione in tempi brevi”.

Per questo, conclude Bonino, “il provveditorato regionale e il dipartimento dell’amministrazione penitenziaria devono necessariamente prendere atto delle pessime condizioni in cui il personale di polizia penitenziaria di Spoleto è costretto ad operare e devono provvedere con urgenza all’invio delle 38 unità che corrisponde al contingente recentemente stabilito nel piano di incrementi per il 2024 nonché provvedere ad uno sfollamento di detenuti appartenenti al circuito di media sicurezza per almeno 25 unità”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Umbria, alta tensione in carcere: gli agenti della penitenziaria sventano una rivolta a Spoleto

TerniToday è in caricamento