rotate-mobile
Domenica, 16 Giugno 2024
Notizie dall'Umbria

Gubbio, non era il tonno avariato, ma lo scherzo fatto diventare notizia virale: non ci sono mai stati riscontri, la vera storia

In molti ci hanno chiesto perchè non abbiamo scritto nulla in questi giorni del presunto avvelenamento avvenuto ad un pranzo a Gubbio, Semplice: non tornava nulla... di quella meravigliosa sceneggiata...

Nella migliore delle ipotesi era una notizia romanzata e trasformata in un gioco con tanto di vocali (recitatissimi), soprannomi storici e tanta, tantissima (usando le parole dei vocali che ormai  hanno fatto il giro del mondo) "merda", conseguenza di un presunto intossicamento collettivo causato da un presunto tonno - pescato dai presenti al pranzo - non abbattuto e in parte mangiato crudo. Il tutto sarebbe accaduto in un ristorante di Gubbio, città famosa per l'accoglienza, per il buon cibo e per una cucina locale che è stata omaggiata recentemente anche dalla trasmissione 4 Ristoranti. Perugiatoday.it, dopo aver fatto tutti gli accertamenti del caso, ha deciso di non dare questa informazione, apparsa subito strana e senza una minima conferma, sul nostro bollettino quotidiano.

Di tutti quei particolari mal odoranti - riportati poi dalla stampa e dai media nazionali e oggi riconvertiti in articoli sulla viralità di una non notizia - c'era soltanto un aspetto che era stato in piccolissima parte confermato: 2-3 soggetti presenti al pranzo che hanno avuto bisogno del personale medico. Ma al 99 per cento - ci dissero - non sarebbe stata una intossicazione alimentare, ma altri aspetti. E stamani è arrivata la definitiva conferma: nessuna intossicazione. Poi un terzo elemento presente alle libagioni avrebbe provocato un incidente: complice più l'alcol che la non verificata intossicazione alimentare?

Questi pochi elementi potrebbero aver acceso la scintilla dei buontemponi di Gubbio alimentando, audio dopo audio, la leggenda del tonno avariato e di commensali che "perdevano escrementi camminando come le oche". Anche le foto non hanno permesso di individuare nessuno dei presunti avvelenati con i pantaloni diventati color cacao. Infine, per chi racconta il territorio tutti i giorni ormai da anni, la storia del tonno, sempre a Gubbio, ricordava già qualcosa di simile che ai tempi era rimasto fumoso, senza conclusione, senza colpevoli o assolti.

Dall'archivio è emersa una notizia data in esclusiva da un quotidiano umbro nel 2018: anche allora un tonno avariato aveva provocato la presunta intossicazione a decine di turisti veneti - località imprecisata - che avevano mangiato a Gubbio in un ristorante (non precisato) e che avevano avvertito sintomi in un albergo perugino (non identificato). Come è andata a finire? Ancora non lo sappiamo non avendo trovato seguito a quella storia (magari per incapacità nostra...). Strano però che accade sempre tutto a Gubbio quando si porta a tavola il tonno?.

Poi è arrivata la coraggiosa e dettagliata spiegazione con tanto di smentite ufficiali che nessuno ha poi contestato: quella del ristoratore disperato. Insomma, non potevamo e non abbiamo scritto un rigo su quella che abbiamo ribattezzata una non notizia e che peggio ancora poteva - e lo ha fatto - creare un danno ad un ristorante blasonato, a tanti lavoratori e all'immagine della città di Gubbio. Tutto qua. In molti ci hanno chiesto informazioni, hanno inviato vocali e messaggi social. E a tutti abbiamo risposto che dai nostri riscontri non c'erano elementi per sostenere quella presunta notizia.  E oggi, dopo una tempesta di me**a, lo ribadiamo: non era il tonno avariato, ma lo scherzo fatto passare per una notizia. E ora chi paga per il danno di immagine creato ad una città che vive di turismo e che ha fatto della sua cucina una attrazione internazionale? Nessuno perchè le fake news gravi sono sempre quelle che pubblicano gli altri... 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Gubbio, non era il tonno avariato, ma lo scherzo fatto diventare notizia virale: non ci sono mai stati riscontri, la vera storia

TerniToday è in caricamento