rotate-mobile
Martedì, 9 Agosto 2022
Notizie dall'Umbria

Umbria, tre donne entrano in casa di una signora anziana: con una scusa la distraggono portando via denaro e gioielli

Sotto processo tre donne italiane di etnia rom: una ha chiesto di andare in bagno, mentre le altre due svaligiavano la casa

Entrano in casa di una signora anziana e con una scusa una la distrae e le altre la derubano di denaro e gioielli.

Tre donne, italiane di etnia rom (collegate al clan familiare dedito a truffe e furti, recentemente finito al centro di un’indagine della Procura di Perugia), sono finite davanti al giudice: “Perché in concorso tra loro, dopo essersi introdotte all’interno dell’abitazione di … si impossessavano, sottraendoli alla persona offesa di un orologio da uomo marca Vetta, un paio di orecchini con perla in metallo color argento, tre orecchini in metallo color giallo, pietra centrale colore rosso e contornata da brillantini, due orecchini in metallo color giallo, sormontati da una singola perla, una più grande e una più piccola, un anello in metallo di colore bianco, con pietra di colore giallo, 250 euro in banconote di vario taglio”.

Secondo la denuncia che ha portato in tribunale le tre donne, difese dall’avvocato Delfo Berretti, dopo essere entrate in casa dell’anziana vittima, una di queste avrebbe chiesto di poter andare in bagno, viste anche le sue condizioni, essendo “In stato interessante”, e così facendo “Intratteneva la persona offesa a parlare”, mentre le altre due “Approfittando della distrazione” della vittima “Rovistavano le stanze alla ricerca di monili e denaro da asportare”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Umbria, tre donne entrano in casa di una signora anziana: con una scusa la distraggono portando via denaro e gioielli

TerniToday è in caricamento