rotate-mobile
Domenica, 21 Aprile 2024
Notizie dall'Umbria

Alzheimer, la scoperta dei ricercatori dell’Università degli studi di Perugia finanziata dalla fondazione dell’attore Michael J. Fox

Scoperta proteina chiave nella patogenesi e progressione della malattia che potrebbe contribuire alla cura del morbo

Migliorare i criteri diagnostici dell’Alzheimer. Questo lo scopo della ricerca scientifica che vede protagonisti la sezione di neurologia del dipartimento di Medicina e Chirurgia e la statunitense Amprion Inc, azienda leader mondiale della rilevazione ultrasensibile dell'alfa-sinucleina patologica nel fluido cerebrospinale umano.

L’indagine, pubblicata sulla prestigiosa rivista “Alzheimer's & Dementia: The Journal of the Alzheimer's Association”, ha rilevato in un ampio gruppo di pazienti affetti da Alzheimer l’alfa-sinucleina, una proteina chiave nella patogenesi e progressione della malattia di Parkinson. Una scoperta che potrebbe contribuire alla cura del morbo. 

La ricerca è stata finanziata dalla “Michael J. Fox Foundation”, nata nel maggio del 2000 per volere dell'attore Michael J. Fox affetto dalla malattia, dalla “Parkinson's Foundation” e dal progetto Miriade.

Diversi studi avevano già riscontrato la presenza di questa proteina nel 30% dei cervelli di pazienti affetti dalla malattia, un dato finora confinato al post-mortem oggi riscontrato tramite l’utilizzo dei test αS-SAA che ha determinato la presenza di sinucleinopatia nei vivi. La positività del test ha dimostrato che la proteina è stata riscontrata in tutte le fasi cliniche della malattia, compresa quella totalmente asintomatica. 

Il team di lavoro riunisce i ricercatori e le ricercatrici del Centro per i Disturbi della Memoria - Laboratorio di Neurochimica Clinica, della sezione di neurologia del dipartimento di Medicina e Chirurgia, fra cui il dottor Giovanni Bellomo, prima firma dello studio, e la professoressa Lucilla Parnetti. 

Come si legge nella nota dell’ateneo: “La co-occorrenza di altre proteine patologiche con quelle tipicamente associate alla malattia di Alzheimer (beta-amiloide e tau) potrebbe contribuire a spiegare il mancato successo terapeutico di terapie che sono rivolte a un solo protagonista molecolare, quale ad esempio la beta-amiloide”. E ancora: “Stratificare i pazienti con malattia di Alzheimer in base al test αS-SAA nel liquido cerebrospinale potrebbe contribuire a selezionare gruppi di pazienti più omogenei per gli studi clinici e individuare quei pazienti che potrebbero trarre beneficio da trattamenti anti-alfa-sinucleina. A conferma di ciò, la positività al test αS-SAA nel liquido cerebrospinale è stata inserita nei nuovi criteri diagnostici per la malattia di Alzheimer”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Alzheimer, la scoperta dei ricercatori dell’Università degli studi di Perugia finanziata dalla fondazione dell’attore Michael J. Fox

TerniToday è in caricamento