Invasione di acciaio cinese, Nevi sferza Di Maio: non è tempo di letterine

Discussione in Parlamento dopo un’interrogazione del parlamentare di Forza Italia al ministro dello sviluppo economico: “Fondamentale che il Governo adotti misure urgenti per bloccare l’arrivo di inox prodotto da imprese indonesiane a capitale cinese”

“Mentre Di Maio stende tappeti rossi ai cinesi, questi ci invadono aggirando i dazi sui loro prodotti attraverso le fabbriche indonesiane. È fondamentale che il Governo adotti misure urgenti per bloccare l’invasione di acciaio inox prodotto da imprese indonesiane a capitale cinese”.

Così il deputato azzurro Raffaele Nevi che questa mattina ha presentato un’interrogazione al ministro dello sviluppo economico, Luigi Di Maio. “La risposta del sottosegretario, Davide Crippa, è stata molto burocratica. Il governo italiano, insieme a quello belga e francese, ha solo inviato una lettera alla Commissione europea sollecitando l’introduzione di misure di salvaguardia su Indonesia”.

Secondo Nevi “è di estrema importanza, invece, agire velocemente come ha fatto pochi giorni fa il presidente Antonio Tajani con un intervento ufficiale nei confronti di Junker che ha avuto grande risonanza” aggiunge. “È gravissimo che ancora manchi un’iniziativa forte del ministro dell’industria Di Maio, perché ogni giorno che passa l’invasione continua. Non è tempo di letterine. È tempo di far capire che per l’Italia è una assoluta priorità fermare questa invasione”, conclude Nevi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si tornerà in "zona arancione". Domani l'ordinanza che farà retrocedere l'Umbria

  • Lutto a Terni, è scomparso Mauro Moretti noto ristoratore di una storica attività del territorio

  • Esce dall'auto e poco dopo si accascia a terra e muore. Un sabato pomeriggio drammatico a Ferentillo

  • La profumeria ecobio e l’idea creativa di un’imprenditrice ternana: “Ispirata da una filosofia di vita”

  • Terapie intensive, ricoveri ordinari e indice Rt: ecco perché l’Umbria rischia il “cartellino” arancione

  • Non paga la dose di cocaina al pusher ed è costretto a cedergli i suoi valori personali. La polizia intrappola un 25enne di Orvieto

Torna su
TerniToday è in caricamento