menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Nudo per le vie di Narni scalo, la Lega attacca: “Chi non rispetta le regole, se ne vada dal nostro Paese”

Saltamartini e Veller: “Episodio inqualificabile, purtroppo non si tratta di un caso isolato. Ci chiediamo se è figlio della politica dei porti aperti e del politically correct della sinistra buonista”

“Un episodio inqualificabile quello di cui si è reso protagonista, ieri pomeriggio, nella via principale di Narni Scalo, un nigeriano 20enne. Di fronte agli occhi increduli ed indignati dei passanti, lo straniero ha cominciato a spogliarsi, rimanendo nudo dalla cintola in giù. Numerose le foto che circolano nel web. Il nostro plauso va ai carabinieri di Narni e agli operatori del 118, che sono prontamente intervenuti per fermare il ragazzo e riportare la calma. I cittadini sono stanchi di essere testimoni di atti del genere”.

Così la referente provinciale della Lega Terni, onorevole Barbara Saltamartini, la Lega Narni - Comprensorio Flaminia ed il suo referente territoriale, David Veller, commentano gli atti osceni verificatisi a Narni scalo nella giornata di ieri.

“Purtroppo non si tratta di un caso isolato. L’episodio di ieri fa il paio con quello di sabato, verificatosi ad Amelia, quando un nigeriano, pregiudicato e clandestino, nei pressi di un supermercato, si era fatto notare per atti osceni, ed in quell’occasione anche per reati di resistenza a pubblico ufficiale. Come Lega ci chiediamo cosa ci facesse ancora sul suolo italiano”.

“È inaccettabile uscire di casa, poco dopo le 13, di un giorno feriale, con tanti bambini e ragazzi in giro, magari poco dopo la scuola, ed imbattersi in scene come quella avvenuta a Narni scalo. Ci chiediamo se il giovane, che è stato denunciato e che verrà espulso dal territorio nazionale, aveva le credenziali per poter risiedere nel nostro Paese. Ci chiediamo se è figlio della politica dei porti aperti e del politically correct della sinistra buonista, tanto brava a giustificare e a trovare attenuanti a chi sta riducendo a brandelli la sicurezza e il decoro delle nostre città, di quella sinistra che sta cancellando in queste ore i decreti sicurezza voluti dalla Lega”.

“In una fase in cui viene imposta agli italiani l’osservanza di regole stringenti, che limitano di fatto alcune delle nostre libertà costituzionali, risulta ancora più grave e meno accettabile che vi siano categorie di persone che si sentano immuni dal rispetto delle norme, anche quelle minime di convivenza civile, che non contemplano affatto l’ipotesi di denudarsi in pubblico”.

“La libertà di ognuno finisce dove comincia quella dell’altro. Questi atti osceni stanno violando la libertà delle persone per bene, che liberamente vorrebbero avere la possibilità di portare fuori i loro bambini senza dovergli spiegare il perché di situazioni così al limite. Non possiamo parlare di integrazione, se si rifiutano arbitrariamente i nostri valori. Non siamo disposti ad accogliere chi non rispetta il nostro ordinamento giuridico e mostra platealmente disprezzo verso le nostre leggi e le regole del vivere comune del Paese che li ospita”. 

“Chiediamo a gran voce l’osservanza delle norme ed il ripristino della legalità. E a chi mostra disprezzo per il nostro Stato, auguriamo solo di tornare presto alle regole del proprio Paese di provenienza. Con un biglietto di sola andata. E francamente è già tanto, per il popolo italiano, sopportarne il costo”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TerniToday è in caricamento