Protezione civile, solo 200mila euro a Bilancio: “Rischiamo di non poter fronteggiare le emergenze”

De Luca (M5S): “La giunta regionale sottovaluta un problema di assoluta priorità, rischio black out per il sistema di sicurezza”

Solo 200mila euro a Bilancio, a fronte di un fabbisogno di almeno 850mila. Thomas De Luca non usa mezzi termini e punta il dito contro la Giunta: durante l'audizione dei rappresentanti della consulta regionale della protezione civile in conferenza dei capigruppo, il consigliere pentastellato ha evidenziato quelle che secondo lui sono le criticità riferite al prossimo Bilancio, soprattutto riguardo all'ambito della Protezione civile, ossia quel “sistema che oggi rappresenta il punto di riferimento per le tante emergenze che sono presenti nel nostro territorio”.

"Uno scenario da brividi"

“Da quanto emerso nella capigruppo di martedì mattina – afferma De Luca in una nota - la giunta regionale starebbe per impegnare a bilancio soli 200 mila euro per il suo funzionamento a fronte di un fabbisogno di circa 850 mila euro.
Poi c'è il fondo delle emergenze regionali, fondo di riserva a cui si va ad attingere in caso di calamità o emergenze, aspetto tutt’altro che secondario quindi.
Come illustrato oggi, il suddetto fondo sarebbe a secco, vale a dire zero euro in riserva. Sempre secondo le informazioni date, la giunta starebbe per impegnare soli 70 mila euro.

Il volontariato

"Altro aspetto non secondario - continua il consigliere dei 5 Stelle - riguarda il volontariato. A fronte dei 300 mila euro degli anni precedenti (fatta eccezione per l'anno scorso per cui a fronte della crisi della giunta regionale sono stati erogati soli 60 mila euro), quello che è previsto in questo bilancio sono 20 mila euro, che non sarebbero sufficienti neanche a pagare bolli e assicurazione dei mezzi, oltre alla manutenzione, e a tutta una serie di aspetti che sono quelli legati al funzionamento del sistema del volontariato che conta 6500 volontari, 102 associazioni e gruppi comunali. Uno scenario da brividi che potrebbe provocare la paralisi del sistema della Protezione Civile soprattutto in caso si presentino emergenze e calamità". Il consigliere annuncia un'interrogazione in merito.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: “Siamo a Terni e non in qualche paese lontano da noi”. La foto scattata all’ospedale fa il giro del web

  • Risse per le strade di Terni e assembramenti in centro. Con il dpcm non cambia la musica

  • Terni a luci rosse, “lucciole” e trans venduti come schiavi del sesso: ecco l’operazione Doña Claudia

  • Arriva il dpcm di Conte, ma è scontro con le regioni. La Tesei pensa a un'ordinanza restrittiva

  • Addio a Maria Chiara. Mons. Piemontese: "Non esiste un'app "Immuni" per la droga. La felicità è altrove"

  • "Sognava di diventare medico". Gli amici e le istituzioni ricordano Maria Chiara. Oggi l'autopsia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TerniToday è in caricamento