Comune di Terni, servizi ai disabili. I chiarimenti della Lega: le ultime su bandi, assistenza e trasporto

I consiglieri ternani intervengono: “A seguito del nuovo decreto rilancio l’amministrazione sta avviando una nuova fase di interlocuzione con la Regione”

foto di repertorio

Il gruppo consiliare della Lega traccia un sunto dettagliato sulla situazione relativa al trasporto disabili, ai progetti e servizi dedicati. Tali puntualizzazioni, secondo i consiglieri, si sono rese necessarie a seguito di dichiarazioni riportate dalla stampa locale poiché: “Il pregiudizio e la leggerezza con cui sono state fatte va a discapito del buon operato di tutti coloro che lavorano nelle istituzioni pubbliche con l’obiettivo di riuscire a realizzare quanto gli strumenti normativi ed economici consentono”.

Focus del gruppo consiliare della Lega

“I progetti di vita indipendente stanno andando avanti in linea con i progetti regionali, sono in corso i finanziamenti 2014, 2016 e 2019. A seguito del nuovo decreto rilancio l’amministrazione sta avviando una nuova fase di interlocuzione con la Regione per ulteriori risorse per lo stesso progetto. Le nuove modalità di voucherizzazione per il trasporto, volute dal precedente assessore seppur hanno consentito un risparmio sulle uscite del comune hanno prodotto, come risaputo, diversi problemi con utenti e familiari. A tal proposito è necessario però ricordare che l'ente, versa in una situazione di dissesto finanziario, non certo per le scelte operate da questa amministrazione”.

“Tutte le attività ludiche compresa la piscina come ben sanno i rappresentanti delle associazioni, avendo sempre fatto parte dei tavoli congiunti con l’amministrazione e l’assessore, si sarebbero dovute avviare dal 1 marzo. Ovviamente – affermano dalla Lega - la pandemia non ha consentito l’erogazione di tali servizi. Nonostante questo si è avviato un intenso tavolo di collaborazione con la USL Umbria 2 ed il servizio di Neuropsichiatria Infantile, secondo le giuste indicazioni regionali, per rimodulare tutte le attività in merito all’assistenza scolastica per i disabili e ciò con il dovuto e prezioso concorso degli educatori sia del servizio pubblico che del terzo settore. E’ in corso, peraltro, anche la riformulazione dell’attività ricreativa a decorrere dal 1 giugno e per tutti i mesi estivi”.

Assistenza scolastica

“Altro tavolo che si è avviato, in collaborazione con le istituzioni e gli assessorati dell’Istruzione e del Welfare, è quello dell’assistenza scolastica, per valutare le possibili strategie da avviare a settembre. Questo comune ha inoltre disciplinato le modalità con le quali dovranno essere rimodulati i servizi e ciò senza discrezione alcuna ma secondo i decreti ministeriali per l’emergenza Covid ed il protocollo d’intesa firmato dalla Regione con Sindacati, Associazioni Datoriali e ANCI”.

“In merito al bando ministeriale – osservano - i cui contenuti sono ministeriali di Innovazione sociale, aperto sin dal 2018, ricordiamo che i termini erano stati prorogati sino al 31 maggio 2020. Sarebbe stato penalizzante per tutta la collettività, nonostante il Coronavirus, non tentare di partecipare. L’amministrazione con una procedura di evidenza pubblica sta tentando di individuare un partner per presentare una proposta dai contenuti predefiniti dal ministero, per ottenere un finanziamento per la collettività”.

"Secondo quello che leggiamo - scrivono i firmatari - si sarebbe dovuto: “concertare” i requisiti far scadere i termini per la presentazione dei progetti ed attendere qualche utile ed interessante suggerimento da chi, tramite la stampa, definisce il bando ministeriale avente le caratteristiche dei “vaghi contenuti” e del quale sfuggono le finalità.

Le insinuazioni diffuse sono gravi perché gettano un'ombra sull’operato degli uffici amministrativi, le parole hanno un valore, possono essere macigni, e mai un uomo dovrebbe fare un’accusa anche con leggerezza, poiché questo nuoce prima di tutto alle persone, allo Stato e a tutti quei cittadini e lavoratori onesti. Il risultato di questa campagna denigratoria e diffamatoria sarà l’ennesimo immobilismo in cui troppe volte sono cadute le amministrazioni locali."

"La Lega di Terni - concludono - non si lascia intimidire da alcuno e darà il suo pieno sostegno politico a chi opera in trasparenza, piena legalità e procedure di evidenza pubblica e non asseconderà in alcun modo questa iniziativa denigratoria ed anche diffamatoria che ha l’unico obiettivo di perseguire l’immobilismo in cui troppe volte sono cadute le amministrazioni locali".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si tornerà in "zona arancione". Domani l'ordinanza che farà retrocedere l'Umbria

  • Lutto a Terni, è scomparso Mauro Moretti noto ristoratore di una storica attività del territorio

  • Esce dall'auto e poco dopo si accascia a terra e muore. Un sabato pomeriggio drammatico a Ferentillo

  • Da San Gemini alla Siberia, la storia d’amore e l’annuncio di Lorenzo Barone: “Mi sposo con Aygul”

  • Terapie intensive, ricoveri ordinari e indice Rt: ecco perché l’Umbria rischia il “cartellino” arancione

  • Tragedia ad Arrone, muore una giovane mamma: “Siamo tutti sotto choc, increduli e scossi”

Torna su
TerniToday è in caricamento