Comune di Terni, approvato il consuntivo: quasi 62 milioni di disavanzo

Il primo cittadino Leonardo Latini: “E’ il frutto di un susseguirsi di amministrazioni che hanno fatto fronte al disavanzo di parte corrente con entrate incerte, sopravvalutate, al momento della redazione dei bilanci di previsione”

comune di Terni

È stato approvato – 19 voti favorevoli ed 11 contrari – lo schema di rendiconto relativo all’anno 2017. Era già stato votato con parere favorevole lo scorso 27 giugno in terza commissione. Oggi pomeriggio l'esame al vaglio del Consiglio comunale, all’interno del quale si sono susseguiti gli interventi di esponenti di maggioranza ed opposizione

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Leonardo Latini: “Disavanzo che ammonta a quasi 62 milioni di euro"

“Fotografa la situazione annuale dal punto di vista contabile dell’Ente - ha affermato il sindaco Latini - una situazione che non riguarda l’attuale amministrazione la quale, come è noto, ha iniziato la sua azione di governo a giugno 2018. La fotografia dà il riscontro di un anno di gestione sotto il profilo contabile, consente di andare ad identificare le varie poste per avere contezza della situazione patrimoniale e contabile. Balza agli occhi il disavanzo di amministrazione che ammonta a quasi 62 milioni di euro. E’ il frutto di un susseguirsi di amministrazioni che hanno fatto fronte al disavanzo di parte corrente con entrate incerte, sopravvalutate, al momento della redazione dei bilanci di previsione. Lo squilibrio si è verificato al momento dell’operazione di riaccertamento straordinario, quando sono state cancellate tutte quelle entrate per le quali non esisteva il titolo alla riscossione.  Altro aspetto che emerge, un importo particolarmente elevato del fondo crediti di dubbia esigibilità. Il frutto di una politica incerta della riscossione dei tributi”

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: “Siamo a Terni e non in qualche paese lontano da noi”. La foto scattata all’ospedale fa il giro del web

  • Risse per le strade di Terni e assembramenti in centro. Con il dpcm non cambia la musica

  • Arriva il dpcm di Conte, ma è scontro con le regioni. La Tesei pensa a un'ordinanza restrittiva

  • Addio a Maria Chiara. Mons. Piemontese: "Non esiste un'app "Immuni" per la droga. La felicità è altrove"

  • Ospedale di Terni, ulteriore stretta sugli accessi: i provvedimenti attuati per limitare la diffusione del Coronavirus

  • Covid, un’altra giornata di contagi: due casi nell’ex zona rossa di Giove, Terni in controtendenza

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TerniToday è in caricamento