Comune di Terni, minoranze all’attacco sull’alta velocità: “Silenzio dal sindaco Latini”

I capigruppo Pasculli, Filipponi, Angeletti e Gentiletti: “Disponibili a portare avanti un confronto con Trenitalia e con la Regione Lazio”

foto di repertorio

“Una fermata del Frecciarossa rossa a Terontola, seppur smentita da Trenitalia dopo un roboante annuncio della giunta regionale come in una puntata di scherzi a parte, equivarrebbe ad un ulteriore schiaffo alla città di Terni”. I capigruppo della minoranza Federico Pasculli (Movimento Cinque Stelle); Francesco Filipponi (Partito Democratico); Paolo Angeletti (Terni Immagina) e Alessandro Gentiletti (Senso Civico) focalizzano l’attenzione sul trasporto ferroviario, ad alta velocità, concentrandosi sulla città e le contestuali esigenze: “Occorrerebbe invece continuare a lavorare seguendo il dispositivo della delibera 182 del 2017 approvata all'unanimità, dalla precedente assemblea legislativa umbra e quello dell'atto di indirizzo votato anche questo alla unanimità sull'alta velocità, dal consiglio comunale di Terni”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

A tal proposito: “Considerato quanto fatto dalla precedente Giunta regionale dell'Umbria, sono disponibili a portare avanti un confronto con Trenitalia e con la Regione Lazio circa i servizi di collegamento a servizio della zona sud della regione ed in particolare Terni. Occorre insistere sulla verifica di compatibilità rispetto ad un Frecciabianca da Terni verso Roma. Occorre però la volontà del sindaco Latini di sostenere questo percorso volto a riqualificare e ad aumentare l’offerta dei servizi ferroviari in un’ottica di sostenibilità della mobilità. Dopo un auspicio ad inizio anno, registriamo sul punto il silenzio del primo cittadino, il quale pare aver delegato ogni sua funzione di confronto con la regione, sui temi strategici per la città. Solo un suo sussulto - concludono i firmatari - nei confronti della Regione potrà servire a raggiungere l'obiettivo di un adeguamento ed un potenziamento dei servizi di collegamento da e per la città”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: “Siamo a Terni e non in qualche paese lontano da noi”. La foto scattata all’ospedale fa il giro del web

  • Risse per le strade di Terni e assembramenti in centro. Con il dpcm non cambia la musica

  • Terni a luci rosse, “lucciole” e trans venduti come schiavi del sesso: ecco l’operazione Doña Claudia

  • Arriva il dpcm di Conte, ma è scontro con le regioni. La Tesei pensa a un'ordinanza restrittiva

  • Addio a Maria Chiara. Mons. Piemontese: "Non esiste un'app "Immuni" per la droga. La felicità è altrove"

  • "Sognava di diventare medico". Gli amici e le istituzioni ricordano Maria Chiara. Oggi l'autopsia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TerniToday è in caricamento