menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
comune di Terni

comune di Terni

Comune di Terni: "Gli effetti del dissesto peseranno per vent'anni sulla città"

L'intervento del consigliere Leonardo Bordoni: "Il DUP dà una prospettiva di governo e di programma alla città"

A seguito dell'approvazione del DUP (Documento Unico di Programmazione) il consigliere Leonardo Bordoni, a nome del gruppo Lega, è intervenuto in questi termini: “Si tratta di un elemento di governo cittadino rilevante, perché dà una prospettiva di governo e di programma alla città. Un risultato ancora più importante se consideriamo le condizioni di partenza della esperienza amministrativa Latini. Una situazione critica dal punto di vista economico, finanziario e del personale. È comprensibile che la maggioranza celebri e rivendichi i successi della giunta e che l'opposizione ne contesti i risultati – sottolinea Bordoni - Ma in questo non si deve fare spregio della verità: il dissesto è un elemento traumatico per la vita dell'Ente  e della comunità, con effetti penalizzanti destinati, purtroppo, a durare nel tempo. Nella discussione è stato chiesto da un consigliere di minoranza per quanto tempo la Lega menzionerà il dissesto. La risposta è: per tutto il tempo in cui i suoi effetti affliggeranno i ternani: cinque anni di tariffe al massimo, 20 anni per restituire il prestito che lo Stato ha fatto al Comune di Terni per pagare i  suoi debiti e i fornitori. Anche per questo il Dup presentato dalla giunta a 12 mesi dal suo insediamento, in un quadro di grande difficoltà,  è un ottimo risultato. Per quanto riguarda il lavoro di consiglio – osserva il consigliere - va detto che l'accordo raggiunto sugli emendamenti di minoranza ha contribuito a licenziare un documento all'altezza delle ambizioni di una città per troppo tempo frustrate. Si è trattato dunque di un accordo positivo, nell'interesse di Terni”

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TerniToday è in caricamento