menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

“Caso” Francescangeli, il sindaco ribatte alle accuse: gravi insinuazioni, pronto a riferire in consiglio comunale

Latini replica all’ex assessore: affermazioni non circostanziate, l’Amministrazione non ha nulla da nascondere

Il “caso” Francescangeli scuote i piani alti di Palazzo Spada e a distanza di qualche ora dalla conferenza stampa convocata dall’ex assessore comunale, il sindaco di Terni, Leonardo Latini, scende in trincea e rispedisce al mittente quelle che vengono definite “affermazioni non circostanziate e gravi insinuazioni”.

LEGGI – I “macigni” dell’ex assessore: sfiduciata senza motivo

Francescangeli ha puntato molto sulla questione del personale, nodo cruciale dentro al quale si sarebbe consumato lo “strappo” che avrebbe poi portato alla sua estromissione dalla giunta comunale con il rimpasto di Capodanno.

In una nota diffusa a metà pomeriggio dall’ufficio stampa del Comune, il sindaco “contesta ogni attribuzione o irregolarità amministrativa e rigetta ogni strumentalizzazione. Ogni cosa è stata e continuerà ad essere sotto gli occhi di tutti”. Il sindaco si dice quindi “disponibile a fornire, se richiesto, chiarimenti al consiglio comunale, non avendo l’amministrazione alcunché da nascondere o sottacere, ma essendosi al contrario sempre basata sui principi della massima trasparenza e correttezza istituzionale e amministrativa”.

LEGGI | “Caso” Francescangeli, opposizione all’attacco. Anche Uniti per Terni chiede chiarimenti

L’ultimo passaggio della nota fa capire come è possibile che la vicenda abbia più di uno strascico, e non soltanto sul livello politico. Il sindaco, “come rappresentante dell’amministrazione e garante dell’azione amministrativa, della sua trasparenza, nonché dell’immagine dell’Ente” dice infatti di riservarsi “ogni eventuale azione di tutela”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TerniToday è in caricamento