rotate-mobile
Politica

Elezioni a Terni, Michele Rossi: “Essere parte integrante della maggioranza portando un proprio contributo e senza tapparsi gli occhi”

Il capogruppo di Terni civica traccia un bilancio dell’esperienza politica a palazzo Spada e rilancia la propria candidatura a Consigliere comunale

Una prima esperienza in Consiglio comunale per Michele Rossi, all’interno della coalizione di centrodestra. Il capogruppo ha infatti rappresentato Terni civica all’interno della plenaria, portando molteplici istanze. Oltre a ricoprire tale ruolo è stato attivo anche nelle commissioni consiliari, confrontandosi con i suoi colleghi di maggioranza ed opposizione.

Alla nostra redazione di www.ternitoday.it traccia un sunto dell’attività svolta: “Quanti mi conoscono sanno bene che svolgere il ruolo di consigliere è stato per me il coronamento di un sogno. Considero rappresentare la propria città come quanto di più pregevole si possa fare per i propri cittadini, un vero e proprio onore. Posso dire serenamente di essermi impegnato anche per questo al massimo delle mie forze. In questa esperienza ho messo tutto me stesso per contribuire allo sviluppo della città e per ripagare con l'impegno la fiducia che mi è stata data. Mi sono speso per i progetti e i valori in cui credo, l'ho fatto con grande piacere. Un impegno costante da cui sono derivati molteplici traguardi, con diverse soddisfazioni anche sul piano personale. Sono riuscito a far dibattere in aula molti temi importanti in ambito culturale, lottando con una atavica trascuratezza, una sottovalutazione di tante eccellenze che nel tempo aveva umiliato la città in questo ambito”.

Il rapporto con i colleghi dell’aula: “Complessivamente di collaborazione. In alcuni, fortunatamente molto pochi, ho visto il loro agire politico mosso da mere e ottuse strumentalizzazioni ostruzionistiche piuttosto che dalla ricerca dell'interesse comune. Nella maggior parte dei colleghi ho visto passione e voglia di fare, anche se, non me ne vogliano, in molti poca conoscenza della città”. È capitato di votare in disaccordo con la sua maggioranza, in diverse circostanze: “Ci può stare – afferma - poiché a volte le sensibilità possono anche essere diverse ed è anche giusto che sia così. Su alcune decisioni, me ne vengono in mente almeno due – il nuovo Teatro Verdi e l'area archeologica protostorica di Maratta - devo ammettere di essere stato anche piuttosto duro. Credo però di averlo fatto sempre alla luce del sole e sopratutto in maniera leale e corretta come deve essere tra alleati. Inoltre caratterialmente non sono un tipo che sta zitto, che rimane in disparte e che non combatte in ciò che crede giusto. Ho sempre interpretato l'essere in maggioranza non come il tapparsi gli occhi o fare “tappezzeria”, portando un contributo, un punto di vista in maniera costruttiva nel concorrere alla formazione delle decisioni che riguardano questa nostra città”.

La mancata riconferma del sindaco uscente Leonardo Latini: “Un momento politicamente ma direi anche umanamente difficile. Anche se sono civico conosco bene i meccanismi della politica dei partiti e rispetto dunque le “regole di gioco”. Semplice dunque ricordare che se gli equilibri di forza all'interno di una coalizione sono fortemente cambiati è giusto che la nuova prima forza politica possa mettere in discussione anche la guida della stessa coalizione. A maggior ragione quando ci sono evidenti e laceranti tentennamenti sulla riconferma della guida uscente”.

Verso le amministrative: “In questi cinque anni abbiamo visto Terni cambiare, migliorata sotto molti aspetti, dalle opere pubbliche, al maggiore decoro, contribuendo a una nuova consapevolezza delle grandi possibilità di sviluppo cui si deve lavorare con convinzione. Alcuni dei percorsi intrapresi hanno già portato i primi risultati, altri arriveranno grazie ai progetti avviati. Ed è per questo che non si può mollare proprio ora e l'esperienza della buona amministrazione del centro destra più civici non può arrestarsi".

Ed ancora: "La mia campagna elettorale sarà come sempre in mezzo alla gente, perché solo cosi so fare politica. Sarò nei luoghi in cui è stato fatto ma sopratutto in quelli dove c'è ancora molto da fare. Con me porterò, anche materialmente, il nuovo simbolo di Terni Civica. Accanto a me – conclude Rossi - per queste elezioni amministrative, trentuno splendide persone, ognuna delle quali è meritevole di rappresentare la città”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Elezioni a Terni, Michele Rossi: “Essere parte integrante della maggioranza portando un proprio contributo e senza tapparsi gli occhi”

TerniToday è in caricamento