menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Bandiere a mezz’asta e un minuto di silenzio per le vittime del Coronavirus

Domani a mezzogiorno l’iniziativa lanciata dall’Unione delle province italiane. Il presidente Lattanzi: invito i sindaci ad aderire. Latini: lutto per chi è morto, solidarietà alle comunità colpite

Bandiere a mezz’asta e un minuto di silenzio. Terni, l’Umbria e l’Italia si fermano per le vittime del Coronavirus.

Il presidente della Provincia di Terni e dell’Upi Umbria, Giampiero Lattanzi, ha scritto a tutti i sindaci della regione per invitarli a sostenere l’iniziativa in programma domani, 31 marzo, in ricordo delle vittime del Covid19. Il programma lanciato dal presidente dell’Upi nazionale, Michele De Pascale, prevede l’esposizione delle bandiere a mezz’asta fuori dai municipi e, alle 12, un minuto di silenzio da osservare davanti al comune indossando la fascia tricolore.

“Esorto i sindaci ad aderire – scrive Lattanzi – e a sollecitare anche i cittadini a fare lo stesso dalle proprie abitazioni. Sarà un momento di profonda unione che esprimerà il lutto di tutto il territorio e la vicinanza del Paese intero alle famiglie e ai cari delle vittime”.

Tra i primi ad aderire all’iniziativa, il sindaco di Terni, Leonardo Latini, che intende così manifestare solidarietà agli amministratori locali delle aree più colpite dall'epidemia.

E così domattina Latini - come gli altri sindaci d'Italia che risponderanno all’appello - indossando la fascia tricolore, osserverà un minuto di silenzio davanti al municipio con la bandiera esposta a mezz’asta, in segno di lutto per tutti i morti causati dall'epidemia, in segno di solidarietà con le comunità che stanno pagando il prezzo più alto.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TerniToday è in caricamento