Politica

La crisi dopo il virus, il “vaccino” del Comune di Terni per le imprese: esenzione per Tari e Tosap e stop affitti

Le misure illustrate dall’assessore al bilancio, Masselli: avranno un peso sulla nostra fiscalità e sul futuro economico dell’ente, ma non possiamo tirarci indietro

“Tra le misure più importanti che abbiamo deciso di varare c’è quella dell’esenzione di tutta la fiscalità locale per le attività economiche relativamente al periodo nel quale hanno dovuto subire l’effettiva chiusura. Stiamo dunque parlando di un’esenzione, relativa a questo periodo, della Tari, della Tosap. Per quel che riguarda le attività che si trovano in affitto in locali di proprietà del Comune saranno anche azzerati i canoni di locazione, sempre in riferimento al periodo di chiusura effettiva”.

Il Comune di Terni prepara un “vaccino” anti-Covid mettendo in campo una serie di provvedimenti a sostegno delle attività economiche colpite dalla pandemia. Si tratta di “misure che avranno un peso sulla nostra fiscalità e che determinano incertezze sul futuro economico dell’ente – spiega l’assessore comunale al bilancio, Orlando Masselli - in primo luogo perché la copertura prevista dal Governo per i Comuni non appare sufficiente, in secondo luogo perché stiamo ancora attendendo risposte rispetto a come gestire in questa fase straordinaria il peso considerevole del dissesto che a Terni ci portiamo sulle spalle”.

“Nonostante questo – ribadisce però Masselli - non ci tiriamo indietro, non possiamo farlo per senso di responsabilità e ben comprendendo le conseguenze economiche dell’attuale emergenza sui nostri commercianti e imprenditori”.

Scendendo nel dettaglio, per la Tari – qui tutte le modifiche allo scadenzario già decise dalla giunta comunale – è stato deciso di richiedere il versamento del 90% del piano tariffario del 2019, mentre sarà possibile versare il conguaglio nelle annualità successive fino al 2023.

“La stessa revisione delle tariffe della Tari – spiega ancora Masselli - si baserà sull’effettivo danno subito dalle attività nei periodi di chiusura e si prolungherà nelle annualità successive”.

“Si tratta dunque di una serie di misure che, come richiesto anche dal consiglio comunale, si configurano come sostegno strutturale alle attività economiche che hanno subito e stanno subendo i maggiori danni, a tutti coloro che sono stati dunque più svantaggiati. Misure che si aggiungono all’eliminazione della Tosap aggiuntiva annunciata ieri dal Governo, alla quale stavamo comunque lavorando anche noi”.

A proposito di sostegno all’economia locale, l’assessore Masselli cita anche la confermata volontà dell’amministrazione comunale di investire su tutte le opere pubbliche di propria competenza. “I cantieri che saranno avviati di qui a breve, anche di grandi dimensioni, come quello del PalaTerni e di tutte le opere ad esso connesse, serviranno da volano per sostenere la ripresa in alcuni settori”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La crisi dopo il virus, il “vaccino” del Comune di Terni per le imprese: esenzione per Tari e Tosap e stop affitti

TerniToday è in caricamento