Sabato, 31 Luglio 2021
Politica

Coronavirus, violenza e aggressività tra i ragazzi: “Urge una riflessione. Combattere il crescente senso di noia”

L’atto di indirizzo a firma Michele Rossi (Terni Civica) e Doriana Musacchi (Gruppo Misto): “Utile realizzare, come in altre città, una serie di progetti destinati ai giovani”

foto di repertorio

Il tema è piuttosto articolato soprattutto perché, in questa fase emergenziale, si è reso ulteriormente complicato. I giovani, nell’accezione più generale, stanno sicuramente risentendo enormemente di limitazioni e restrizioni generate dalle normative, volte a limitare il contagio. I recenti fatti di cronaca, risalenti ad esempio agli scorsi week end, ripropongono la complessa tematica dell’incremento di comportamenti delinquenziali tra gli adolescenti, ed i ragazzi in generale. A tal proposito Michele Rossi (Terni Civica) e Doriana Musacchi (Gruppo Misto) presentano un atto di indirizzo, volto a sollecitare una riflessione sulle necessità contingenti.

Secondo Rossi e Musacchi: “Molti studi sociologici registrano, tra i giovani, l'aumento della violenza e del l'aggressività incontrollata. Inoltre la diffusione del contagio e le conseguenti restrizioni hanno sicuramente aggravato la situazione con pesanti ricadute sul disagio giovanile, per le condizioni di solitudine che le stesse impongono. Infine le scuole sono chiuse, così come i luoghi associativi, gli oratori, le associazioni sportive, le palestre e rischiano di mettere in pericolo la serenità psicologica dei nostri giovani e rischiano di far aumentare il disagio giovanile”.

Le proposte

I capigruppo formulano una serie di proposte da mettere sul piatto per ovviare a tali problematiche: “Sarebbe utile realizzare, come in altre città, una serie di progetti destinati ai giovani”. Alcuni esempi: “Una biblioteca civica sempre più digitale, che mette a disposizione online quotidiani, riviste, e-book, banche dati, audiolibri, corsi a distanza e programmazione online delle iniziative degli spazi culturali della città”.

“Inoltre reti e spazi immateriali in cui dar sfogo virtualmente alla creatività giovanile. Vetrine con palinsesti di appuntamenti sui canali social. Spazi dove poter condividere progetti ed esperienze, contest fotografici, musicali ed artistici, rubriche tematiche. Potrebbero trovare spazio – sottolineano Rossi e Musacchi - consigli di letture, fumetti, ma anche consigli su film, serie TV, visite virtuali a musei, a mostre nazionali o internazionali, lezioni di fitness o di alfabetizzazione motoria. Anche iniziative di tipo ludico come tornei di giochi in scatola su piattaforma, contest di cucina e di lettura, spazi di ascolto e di confronto. Infine aperitivi virtuali e creativi, incontri a tema scelti dai ragazzi ricreando spazi aggregativi seppur stando tutti a casa propria”.

I consiglieri comunali, impegnando sindaco e giunta ad avviare una riflessione e magari sviluppare ulteriori idee, affermano come tali iniziative si possono realizzare attraverso: “Collaborazioni tra assessorato alla cultura, alle politiche giovanili, le associazioni giovanili della città e gli educatori. L’obiettivo da perseguire sarebbe di ridare protagonismo (oggi virtuale ndr) ai nostri giovani, combattendo il crescente senso di noia”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus, violenza e aggressività tra i ragazzi: “Urge una riflessione. Combattere il crescente senso di noia”

TerniToday è in caricamento