Politica Amelia

Amelia al voto, Bernardini non molla: non possiamo più tornare indietro e buttare a mare il percorso ed il lavoro compiuti

Il candidato sindaco di Pd, Azione, Centristi per l’Europa e Italia Viva rispedisce al mittente l’appello di Rete resistente. Nelle prossime ore possibile incontro con Rossi. E fra i dem restano i dubbi

“A quanti oggi ci invitano a fare un passo indietro, demmo la disponibilità, su loro richiesta, di trovare un candidato condiviso fra una rosa di nomi espressi dai partecipanti al tavolo del centrosinistra. Dopo due giorni, Rete resistente annunciò la candidatura di un proprio nominativo su giornali e social media, in maniera scorretta ed oltremodo irrispettosa verso tutti i componenti stessi il tavolo di centrosinistra”.

Piero Bernardini non lascia ma raddoppia: rispedisce al mittente l’appello a tutti i candidati sindaco di fare un passo indietro lanciato nelle scorse ore da Rete resistente e avvia di fatto la campagna elettorale che porterà Amelia al voto per le Amministrative del prossimo ottobre.

“Il nostro motto è: Per Amelia verso il futuro: pensare globale, agire locale. Siamo carichi di energia, idee, sensazioni e propositi positivi. No a sterili polemiche, non possiamo più tornare indietro e buttare a mare il percorso ed il lavoro compiuti. Si va avanti, dalla parte dei cittadini”.

“Il Pd ed i suoi alleati – scrive il segretario comunale dem in un post in cui, a scanso di equivoci, si firma come candidato sindaco del centrosinistra di Amelia - si trovano nel dovere, non solo nella piena legittimità, nel proseguire per la propria strada, lanciando la propria sfida per il governo della città. La politica è un’attività seria: per questo, i funamboli ed i giocolieri, animati da spirito giacobino ma con fare all’insegna del più deteriore trasformismo, non ci interessano. Siamo, tuttavia, aperti a quanti vogliano o vorranno unirsi a noi e dare il loro apporto, piccolo o grande che sia. Si va avanti, indietro non si torna. Da parte mia sarò orgoglioso e lusingato di rappresentare il vasto fronte dei progressisti e del centrosinistra di Amelia. Di tutti gli amerini che vogliono più bella, accogliente e ricca la nostra città”.

Dietro le quinte della politica, la “resistenza” di Bernardini a Rete resistente non sembra destinata però a scivolare via come l’acqua fresca in un caldo pomeriggio di fine luglio. Intanto oggi il movimento che sostiene la candidatura di Luciano Rossi dovrebbe incontrarsi e fare il punto della situazione in vista di un possibile faccia a faccia proprio tra Rossi e Bernardini che potrebbe celebrarsi già nella giornata di domani. Sul piatto non c’è soltanto la questione dei nomi: chiaro è che se il centrosinistra corre scomposto, le possibilità di vittoria rischiano di andare in frantumi. Ad oggi, i candidati di area sono tre: Bernardini, Rossi e Marco Rubini.

Un favore alle destre o il risultato di una litigiosità impossibile da ricomporre? Questa è soltanto una delle tante domande a cui dare risposta. Altra questione è legata alla posizione del Movimento 5 Stelle che, almeno fino ad ora, ha osservato da spettatore la questione candidature. Siederà al tavolo col Pd o proporrà una sua alternativa? Ultima, ma non meno importante: il Pd è davvero compatto sulla scelta di Bernardini oppure, prendendo contezza di quanto sta accadendo, all’ultimo miglio potrebbe suggerire un passo indietro al medico?

Le cose, in realtà, sono ancora in parte da definire se è vero, come è vero, che uno dei maggiorenti dem si lascia scappare il fatto “il partito è diviso su di lui (Bernardini, ndr)” e se è ancora vero che, in mancanza di un accordo di coalizione più ampio, nel centrosinistra si potrebbe affacciare ancora un’altra, la quarta, candidatura. Una candidatura “di ampia esperienza e di notevole capacità amministrativa che al momento, ha dato disponibilità con riserva, ad intraprendere questo percorso”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Amelia al voto, Bernardini non molla: non possiamo più tornare indietro e buttare a mare il percorso ed il lavoro compiuti

TerniToday è in caricamento