menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
foto di repertorio

foto di repertorio

Elezioni amministrative, rinvio in autunno per sei comuni della provincia di Terni

Il provvedimento interessa undici municipi dell’Umbria, di questi sei appartenenti al territorio ternano ovvero: Amelia, Avigliano Umbro, Castel Giorgio, Montecastrilli, Otricoli e Parrano

Il Consiglio dei ministri ha approvato - a causa dell’emergenza sanitaria in auge - il rinvio delle consultazioni elettorali che si sarebbero dovute tenere prima dell'estate. Le elezioni si svolgeranno in una data compresa tra il 15 settembre e il 15 ottobre. Undici i comuni dell’Umbria interessati, sei di questi appartenenti al territorio ternano. Nella fattispecie Assisi, Bettona, Bevagna, Città di Castello e Nocera Umbra in provincia di Perugia; Amelia, Avigliano Umbro, Castel Giorgio, Montecastrilli, Otricoli e Parrano in quella di Terni. I sindaci uscenti, in ordine prettamente di municipio menzionato per il territorio ternano sono Laura Pernazza, Luciano Conti, Andrea Garbini, Fabio Angelucci, Antonio Liberati e Valentino Filippetti.

Il testo del Decreto

“Il Consiglio dei Ministri, su proposta del Presidente Mario Draghi e del Ministro dell’interno Luciana Lamorgese, ha approvato un decreto-legge che introduce disposizioni urgenti per il differimento di consultazioni elettorali per l’anno 2021”. Ed ancora: “Il testo, in continuità con gli analoghi provvedimenti già approvati nel 2020, dispone che le elezioni previste nell’anno in corso si svolgano in una data compresa tra il 15 settembre e il 15 ottobre 2021. Il provvedimento è stato adottato tenuto conto del perdurare dell’emergenza epidemiologica da Coronavirus e dell’esigenza di evitare fenomeni di assembramento, nonché di assicurare che le operazioni di voto si svolgano in condizione di sicurezza per la salute dei cittadini, anche in considerazione della campagna vaccinale in corso”.

“Dal rinvio sono interessate, nello specifico: le elezioni dei consigli comunali e circoscrizionali previste tra il 15 aprile e il 15 giugno 2021; le elezioni suppletive per i seggi della Camera dei deputati e del Senato della Repubblica dichiarati vacanti entro il 31 luglio 2021; le elezioni amministrative nei comuni i cui organi sono stati sciolti per fenomeni di infiltrazione mafiosa, anche se già indette, mediante integrale rinnovo del procedimento dì presentazione delle liste e delle candidature; le elezioni amministrative a seguito dell’annullamento delle elezioni degli organi delle amministrazioni comunali in alcune sezioni, anche se già indette; le elezioni amministrative nei comuni i cui organi devono essere rinnovati per motivi diversi dalla scadenza, se le condizioni che ne rendono necessario il rinnovo si verificano entro il 27 luglio 2021; le elezioni degli organi elettivi delle regioni a statuto ordinario, anche se già indette, e quelle relative agli organi elettivi per i quali entro il 31 luglio 2021 si verificano le condizioni che ne rendono necessario il rinnovo”.

“Il decreto stabilisce che per l’anno 2021, limitatamente alle elezioni comunali e circoscrizionali, il numero minimo di sottoscrizioni richieste per la presentazione delle liste e candidature sia ridotto a un terzo. Infine, si detta la disciplina dello svolgimento delle operazioni di voto, previste su due giornate (domenica dalle ore 7 alle 23 e lunedì dalle ore 7 alle 15), nonché dello spoglio delle schede e dell’ordine dello scrutinio”. Tra le possibili soluzioni la duplice data del 10 e 11 ottobre 2021.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TerniToday è in caricamento