rotate-mobile
Domenica, 14 Aprile 2024
Politica

L’Umbria alla “sfida” dell’Europa: “Pensiamo che questa regione debba giocare un ruolo di avanguardia”

Verso le elezioni di giugno 2024, il manifesto-appello del comitato “L’Umbria verso Renew Europe: “I grandi protagonisti quali Mario Draghi ed Emmanuel Macron possono essere gli artefici della nuova Ue che nascerà dal voto”

Si è costituito nei giorni scorsi il comitato “L’Umbria verso Renew Europe”. Si tratta di “un gruppo di persone provenienti da vari territori dell’Umbria e aderenti a vari soggetti politici e associazioni – è spiegato in una nota - che condividono i valori europei” e che “hanno sottoscritto a titolo individuale il manifesto/appello per la concretizzazione anche in Italia e in Umbria di una opzione politica unitaria in vista delle elezioni europee, facente capo a Renew Europe, il gruppo politico liberale nel Parlamento europeo costituito dal Partito dell’alleanza dei liberali e dei democratici per l’Europa (Alde) e il Partito democratico europeo (Pde) che ha in Emmanuel Macron il principale leader di riferimento”.

Il comitato è costituito da Emanuele Bartoccioni (aderente a LibDem), Tiziana Benucci (aderente a Italia Viva), Michele Berloco (aderente a +Europa), Carla Casciari (aderente a Civici Per), Paolo Cianfoni (già candidato a sindaco di Terni nel 2023 e aderente a LibDem e Civici Per), Andrea Maori e Marco Sciarrini (aderente a Civici Per).

“Il comitato in quanto tale – spiegano ancora - non supporta alcuna candidatura o lista alle elezioni amministrative. L’adesione al manifesto/appello è aperta sia ai singoli che ai soggetti politici o associazioni e può essere effettuata contattando Enrico Bartoccioni (umbria@libdemeuropei.it) e accedendo alla pagina facebook (www.facebook.com/profile.php?id=61555543990662).

Pubblichiamo di seguito il manifesto/appello.

-------------------------------

Le elezioni europee del prossimo 9 giugno chiamano il nostro Paese a dare un nuovo forte contributo di europeismo in un quadro obiettivamente difficile perché caratterizzato dall’inadeguatezza dei poli e dei partiti politici nazionali e dalla crisi delle famiglie politiche europee.

Il mondo ha bisogno di una Europa in grado di rispondere all’urgenza della pace e della sicurezza dei popoli dalle aggressioni, una Europa che, libera dai farraginosi e inefficienti meccanismi intergovernativi, possa decidere con voto a maggioranza qualificata anche in materia di politica estera, sicurezza e adesione di nuovi stati membri. Una Europa che disponga di credibili forze armate europee, per numero di effettivi e dotazione di mezzi: insomma di una Europa che appaia in grado di mantenere la promessa/aspirazione originaria degli Stati uniti d’Europa.

Le ragioni dell’europeismo vero e autentico sono la cifra distintiva di un vasto movimento di opinione che in Europa si concretizza in una opzione politica ben distinta.

Una opzione tollerante, liberale, riformatrice, post ideologica; che professa e realizza i valori delle democrazie liberali, in grado di rappresentare il perno delle future alleanze europee, attraverso un’offerta politica che raccolga le sfide della modernità (dalle minacce alla democrazia alle nuove disuguaglianze, dai cambiamenti climatici all’intelligenza artificiale, dalle guerre alle competizioni economiche, dalla transizione ecologica ed energetica ai fenomeni migratori) una opzione che è il vero antidoto ai populismi e ai sovranismi che indeboliscono l’Europa e allontanano le soluzioni.

Questa opzione politica si chiama Renew Europe.

Anche in Italia, come già oggi nel resto d’Europa, gli europeisti devono diventare riconoscibili e devono concretizzare una delle scelte in campo di fronte agli elettori. I grandi protagonisti europei quali Mario Draghi ed Emmanuel Macron possono essere gli artefici della nuova Ue che nascerà dal voto di giugno 2024.

Pensiamo che l’Umbria che, al di là degli slogan, si senta davvero una regione europea, debba giocare un ruolo di avanguardia. Per questo occorre catalizzare le forze europeiste umbre e svolgere una forte azione politica regionale liberale e riformatrice nei diversi piani di intervento sulla realtà sociale: dalle politiche migratorie, alle sfide green e alle potenzialità dell’intelligenza artificiale applicata come opportunità di progresso e crescita economica regionale.

Per queste ragioni, occorre promuovere nel nostro Paese e nella nostra regione un coerente sostegno alla proposta politica di Renew Europe.

Chiamiamo tutti gli umbri a sottoscrivere il presente manifesto/appello sia in forma individuale come cittadini sia come forze (politiche, associative, sociali, culturali umbre) e a unirsi in un’unica offerta politica che sia in grado di determinare una lista di Renew Italia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L’Umbria alla “sfida” dell’Europa: “Pensiamo che questa regione debba giocare un ruolo di avanguardia”

TerniToday è in caricamento