rotate-mobile
Martedì, 16 Agosto 2022
Politica Narni

Candidato “azzoppato”, Italia al Centro si sfila dalla coalizione a sostegno di Maurizio Bufi

Elezioni a Narni, a soli tre giorni dalla presentazione, il partito fa un passo indietro. Aldo Traccheggiani: “Per noi è primario preparare la fase congressuale”. Marco Mazzalupi (Azione): “Proseguiamo pancia a terra nel nostro progetto”

Italia al Centro, il gruppo politico che fa capo al coordinatore regionale Aldo Traccheggiani, esce dalla coalizione che avrebbe dovuto sostenere la candidatura a sindaco di Maurizio Bufi. Si tratta del classico fulmine a ciel sereno che giunge solo tre giorni dopo il lancio riguardante la candidatura dello stesso Bufi.

“Non ci sarà nessun impegno da parte nostra nelle elezioni amministrative di Narni - tuona il comunicato firmato da Traccheggiani - Il cantiere centrista si appresta a concretizzare un forte impegno organizzativo su tutto il territorio regionale in vista dei congressi che si svolgeranno nel mese di ottobre, la campagna di tesseramento sta dando risultati soddisfacenti. Dal punto di vista tattico è per noi interesse primario dare la precedenza alla strutturazione sul territorio e alla fase democratica congressuale che esprimerà la classe dirigente di Italia al Centro in Umbria. Naturalmente, puntando agli obiettivi fondamentali nelle vicende future di Italia al Centro che ci vedranno in campo sia nelle elezioni amministrative del comune di Terni, che nelle prossime elezioni politiche”.

Abbiamo provato a contattare Maurizio Bufi per sapere cosa sia successo e che cosa abbia determinato l’improvvisa decisione di Traccheggiani, ma il candidato sindaco ha tirato corto spiegando che “sto andando ad una riunione, ci sentiamo più tardi”.

Non si è fatta attendere invece la risposta di Azione, l’altro movimento politico che sostiene la candidatura di Bufi.

“Apprendiamo che Italia al Centro ha fatto un passo indietro rispetto a quanto a tutti noto nel sostenere Maurizio Bufi”, scrive in una nota Marco Mazzalupi, responsabile provinciale del partito che a livello nazionale fa riferimento a Carlo Calenda.  

“Ci sorprende il modo con cui avviene, a poche ore dal sostegno che era stato espresso al nostro progetto. Andiamo avanti e di certo non ci preoccupa questa notizia. Ci dispiace aver sottratto del tempo prezioso allo sviluppo del progetto che riguarda Narni e il cammino che abbiamo iniziato a tracciare. In verità già da qualche giorno avevamo chiesto di interloquire con le rappresentanze locali di Italia al Centro senza nessun riscontro; avevamo quindi continuato il nostro confronto con il vertice regionale, Tracchegiani, che probabilmente non era in grado di adempiere a quanto prospettato. Proseguiamo pancia a terra nel nostro progetto, certi che Narni abbia bisogno della serietà e competenza che Maurizio e tutta la nostra squadra, allargata a chi vorrà dare il proprio contributo a un reale progetto d’innovazione della città, saranno in grado di mettere a disposizione”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Candidato “azzoppato”, Italia al Centro si sfila dalla coalizione a sostegno di Maurizio Bufi

TerniToday è in caricamento