rotate-mobile
Politica Narni

Elezioni a Narni, il centrosinistra cerca il candidato sindaco: via alle primarie

Partito democratico, Cinque stelle, Socialisti e lista civica De Rebotti aprono le danze in vista del voto di fine maggio: candidature entro sabato 19 marzi e seggi aperti il 3 aprile

Primarie di centrosinistra per scegliere il candidato sindaco di Narni. Il “campo largo” che vede – al momento – sotto lo stesso tetto Partito democratico, Movimento 5 Stelle, Partito socialista e lista civica De Rebotti aprono dunque le danze in vista del voto che porterà al rinnovo del consiglio comunale.

L’appuntamento con le urne dovrebbe essere previsto per il 29 e 30 maggio, ma prima di allora gli elettori di centrosinistra della città del Gattamelata saranno chiamati a indicare chi sarà lo sfidante del centrodestra. Che, al momento, non ha ancora un volto e un nome.

A proposito di nomi. Le indiscrezioni degli ultimi mesi vedrebbero la disponibilità di Marco Mercuri, attuale vicesindaco ed espressione socialista e di Lorenzo Lucarelli, assessore in quota Pd. Le primarie potrebbero insomma essere una corsa a due senza colpi di scena. Oppure far uscire un terzo incomodo. Le candidature sono aperte e per essere della partita c’è tempo fino a sabato 19 marzo e avere il supporto di almeno 60 firme. Si voterà poi per la scelta il 3 aprile in 14 seggi dislocati su tutto il territorio comunale.  

DSC_7630-2“Queste primarie – è stato detto in conferenza stampa dagli esponenti del centrosinistra - dovranno essere una festa della democrazia ed un’occasione di confronto con le persone per tornare a parlare di futuro della nostra città”.

“Siamo soddisfatti di aver potuto partecipare a un tavolo di coalizione propositivo, largo e aperto a tutti coloro che voglio dare un loro contributo al progetto senza preconcetti, ma mettendo a disposizione le migliori idee e uomini per il bene della città. Il centrosinistra – commenta Fabio Svizzeretto del Pd - è l’unico campo largo, composto da più forze politiche e civiche organizzate, che ha scelto uno strumento democratico di grande apertura e partecipazione popolare per scegliere il proprio candidato a sindaco. Il percorso che abbiamo iniziato, ha preso le mosse dall’adesione a un manifesto di valori e linee programmatiche condivise tra i soggetti politici, a ciascuno dei quali è stata riconosciuta pari dignità all’interno della coalizione. Forti del percorso svolto finora, insieme alla coalizione, proseguiremo sulla strada della stesura del programma come ulteriore occasione di coinvolgimento e partecipazione di tutti per disegnare insieme il futuro della città”.

Luca Tramini (M5S) parla invece dei “disastri fatti da questa destra umbra, la peggior destra di sempre” e sottolinea che “aderire alla coalizione non è solamente una scelta nata dalla condivisione di tematiche quali la transizione ecologica, la difesa del lavoro, l’attenzione per gli ultimi e per l’ambiente ma oggi diviene una vera e propria difesa della nostra città. Una lotta per salvare Narni da questa destra, perché la pandemia ci ha dimostrato quanto è fondamentale avere un buon governo durante le emergenze. Ed oggettivamente dobbiamo ringraziare il modello Narni che sotto pandemia ci ha protetti dall’incompetenza della nuova Regione Umbria. Adesso parte una nuova sfida, un nuovo impegno ed un nuovo futuro per Narni”.

Alfonso Morelli, anche lui nella attuale giunta De Rebotti, dovrebbe essere il punto di riferimento di una lista civica: “Dovevamo confermare, rinnovandola, una coalizione di centrosinistra per poterla candidare nuovamente alla guida della città. Lo abbiamo fatto unendo tutte le forze progressiste del territorio intorno ad un manifesto di valori chiaro. Forze progressiste, ecologiste, pacifiste. Ora, con uno strumento che per la città di Narni è sicuramente nuovo, avvieremo un percorso di partecipazione e coinvolgimento particolarmente interessante. Transizione ecologica, sviluppo sostenibile, inclusione sociale saranno le nostre parole d’ordine per i prossimi anni. Settori strategici di sviluppo che ci permetteranno di superare un periodo storico particolarmente difficile”.

“Vogliamo continuare come forza civica ad essere contenitore delle migliori espressioni della società civile presente nel territorio – dice Lorenzo Bonifazi, lista civica De Rebotti sindaco - aderendo in pieno al manifesto valoriale e sposando le primarie come una festa democratica di partecipazione, dove i cittadini possano scegliere il candidato del campo progressista e riformista, convinti di proporre una squadra all'altezza delle sfide che presenta il futuro”.

“Le elezioni primarie rappresentano per la coalizione di centrosinistra che le ha promosse un modo nuovo di coinvolgere i cittadini nella scelta di chi li dovrà guidare per i prossimi 5 anni La nostra città, grazie al nuovo metodo delle primarie, ritroverà interesse a partecipare alle scelte politico amministrative”. Ma la frase più rilevante di Rita Strappatelli (Psi) è questa: “Una fase nuova si sta per inaugurare a Narni dopo anni dove gli appuntamenti elettorali sono stati vissuti come un’arida consuetudine”.

Gallery

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Elezioni a Narni, il centrosinistra cerca il candidato sindaco: via alle primarie

TerniToday è in caricamento