rotate-mobile
Lunedì, 30 Gennaio 2023
Politica

Elezioni, Forza Italia schiera veterani e amministratori per riconquistare i moderati delusi: "Siamo la comunità del buongoverno"

Romizi, Nevi, Modena e Morroni suonano la carica: caccia ai delusi e ai moderati sfiduciati. "Siamo noi il centro riformista e liberale per rilanciare insieme al centrodestra l'Italia"

"Dobbiamo riguadagnare la fiducia della gente aprendoci a un prezioso ascolto dei territori. Siamo convinti che è fondamentale il ruolo di Forza Italia all’interno della coalizione di centro destra in virtù dei suoi valori, della sua storia, che ne fanno una forza politica moderata, liberale, cristiana, riformatrice ed europeista”: il coordinatore regionale Andrea Romizi, nel giorno della presentazione dei candidati di partito alla Camera e al Senato, ha tracciato anche la rotta della campagna elettorale: rimotivare la comunità di Forza Italia e riportare alla urne quei moderati che negli ultimi anni si sono allontanati nel non voto o scegliendo altri partiti. Forza Italia ha schierato amministratori e politici di lungo corso (Polidori che prova la quarta legislatura) per ribadire affidabilità e capacità di rappresentare i territori. "Siamo consapevoli che queste saranno elezioni particolarmente importanti, in virtù del delicato momento che il nostro Paese si trova a vivere e, per questo, abbiamo voluto in campo persone di grande competenza e capacità, con una significativa esperienza amministrativa e una grande conoscenza dei territori": ha concluso Romizi. 

A Raffaele Nevi spetta la sfida di rappresentare tutta la coalizione di centrodestra nel collegio Umbria 1 Camera dove la sfida è contro l'ex sindaco di Narni, De Rebotti: " Prioritario è senza dubbio il tema del lavoro -ha aggiunto- per il quale la nostra ricetta è la riduzione delle tasse sul lavoro per favorire le assunzioni da parte delle aziende, ma anche la salvaguardia dell’agricoltura, che significa anche salvaguardia dell’ambiente e investimento sul turismo. Altrettanto importante è l’impegno a investire sul 110% affinché lo Stato continui a garantire i suoi crediti, stabilizzando peraltro il bonus all’80% quale leva di sviluppo per il comparto dell’edilizia. Infine, la Sanità: abbiamo la necessità di investire sui medici di base, riorganizzare la rete ospedaliera. Lo Stato non può lasciare sole le regioni. Si tratta -ha concluso- di impegni da realizzare con competenza e dedizione, e con uno stretto collegamento con i territori. Per questo la nostra campagna elettorale sarà insieme ai sindaci e agli amministratori, che conoscono bene i propri territori”. 

 A Fiammetta Modena, uscente al Senato, la sfida quasi impossibile di cercare di ottenere il seggio al Senato prendendo più voti di Partito Democratico, Fratelli d'Italia e Lega che secondo i sondaggi sarebbe avanti. "Ringrazio il “popolo” di Forza Italia Umbria, perché -ha spiegato la senatrice uscente Modena - i tantissimi risultati che sono stati raggiunti si devono a tutti noi, a una Squadra con la S maiuscola. Una squadra che, per quanto riguarda il Parlamento, è stata riconfermata nei ruoli del 2018. Siamo consapevoli della situazione e l’affrontiamo in maniera responsabile mettendoci la faccia. L’area moderata che rappresentiamo e che si rifà al PPE tornerà ad avere un ruolo centrale nella coalizione. Il nostro paese e la nostra regione -ha concluso- hanno bisogno di questa forza operosa, responsabile, che non si tira indietro". Anche in questo discorso è chiaro che si vuole fa risplendere i risultati ottenuti a livello amministrativo e l'orgoglio dei moderati che vogliono tornare ad essere il motore principale della coalizione di centrodestra.

 Un ruolo importante per Forza Italia sarà ricoperto dal candidato Roberto Morroni, vice-presidente della Giunta regionale Tesei: Nel centro destra il ruolo e lo spazio politico di Forza Italia è ben distinto, con il partito che ha un’identità ben precisa ed un bagaglio valoriale prezioso per l’intera coalizione. Dobbiamo sentire forte il dovere di impegnarci al massimo perché il nostro partito possa riconquistare posizioni e consensi per rendere più incisiva la voce di Forza Italia nella coalizione di governo. Altra importante motivazione, -ha proseguito- è quella che guarda alla nostra regione, che qualche anno fa ha deciso di voltare pagina intraprendendo un’azione di governo che merita di essere rafforzata e il voto del 25 settembre avrà sullo sfondo anche le dinamiche regionali, contribuendo alla stabilità, continuità e vigore di tale azione per la nostra regione”.

I CANDIDATI 

Per il collegio uninominale Camera dei Deputati Umbria 1 (Provincia di Terni, Spoleto e Foligno) il candidato di Forza Italia è Raffaele Nevi, 49 anni, narnese, già parlamentare dal 2018 e membro della XIII Commissione Agricoltura.

Nei collegi plurinominali - in cui i seggi vengono assegnati con metodo proporzionale - i candidati Forza Italia Umbria sono 4 per la Camera dei Deputati e 2 per il Senato della Repubblica. Nello specifico, capolista per la Camera sarà Catia Polidori, tifernate, con una consolidata esperienza in Parlamento, come Deputata delle ultime tre legislature. Nella medesima lista anche il Vice Presidente della Giunta regionale Roberto Morroni, già sindaco di Gualdo Tadino, Cristina Bertinelli, Assessore al Bilancio e Patrimonio del Comune di Perugia in entrambe le giunte Romizi, e Francesco Maria Ferranti, Presidente del Consiglio comunale di Terni. 

Per il Senato i candidati di Forza Italia Umbria saranno, invece, Fiammetta Modena, Senatrice dal 2018 e già consigliere regionale, e Riccardo Meloni Vice Sindaco del Comune di Foligno.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Elezioni, Forza Italia schiera veterani e amministratori per riconquistare i moderati delusi: "Siamo la comunità del buongoverno"

TerniToday è in caricamento