rotate-mobile
Lunedì, 15 Aprile 2024
Politica

Elezioni a Terni con rima: il sondaggio lo vince il ballottaggio e già cominciano le capriole

La rilevazione commissionata dal Movimento 5 Stelle incorona Leonardo Latini, che però non c’è più, e “premia” Claudio Fiorelli. Ma il patron della Ternana, Stefano Bandecchi, è ad una “incollatura” e potrebbe avvantaggiarsi delle bizze del centrodestra

Il primo sondaggio è targato Stefano Bandecchi. Duecentosessanta telefonate (forse, poche) per capire se gli intervistati avrebbero votato il patron della Ternana come sindaco di Terni. La risposta, positiva, era stata tra il 14 ed il 16 per cento. Dopodiché qualcuno, dentro alla coalizione di centrodestra, accese la miccia su un’altra rilevazione per capire da che parte tirasse il vento e buttando nell’agone un po’ tutti. Tanto che, tra i tirati in ballo, l’attuale candidato cdx Orlando Masselli non se la prese proprio bene, minacciando querele.

Ora, a voler tastare il polso dell’elettorato è il coordinatore regionale M5S, Thomas De Luca, che attraverso Winpool chiede ad un manipolo di ternani (900 risposte, in circa tremila hanno fatto spallucce) chi vorrebbero come sindaco fra Leonardo Latini, Claudio Fiorelli, José Maria Kenny e Stefano Bandecchi.

Il voto telefonico – chi è che oggi ha ancora la linea fissa in casa? E questo già potrebbe bastare – incorona il sindaco uscente, che però i suoi hanno scaricato. Poi dà a Fiorelli più consensi di Kenny e piazza Bandecchi attorno al 14 per cento. Masselli non c’è, ma solo perché ancora le acque dentro la coalizione di governo erano piuttosto agitate. Invece, oggi…

Occhei, diciamo che la fotografia è almeno plausibile. E diciamo pure che un po’ di voti dell’ormai fu Latini vadano in parte a Masselli, suo “erede”, e un po’ a Bandecchi, che come luogo “naturale” di caccia ha il centrodestra, ma può anche intercettare una parte di scontenti-delusi-transfughi del centrosinistra.

E insomma. Il vincitore è il ballottaggio. Ossia, probabilmente le sette liste che al momento dovrebbero sostenere il candidato Masselli, alla chiusura delle urne e contate le schede, potrebbero non avere il cinquanta per cento più uno dei voti che servono a chiudere seduta stante la partita. E quindi, resa dei conti rimandata a due settimane dopo.

Se su Masselli un euro almeno per il ballottaggio lo potremmo anche puntare, l’identikit dell’avversario va disegnato. Chi sarà l’alter ego? Fiorelli, forse. Bandecchi, probabilmente. Fatto sta che il sindaco di Terni si potrebbe – o dovrebbe – decidere al secondo turno. Ossia dopo quindici giorni di incontri, alleanze, patti, apparentamenti più o meno ufficiali. E quindi, a questo punto è lecito domandarsi: chi sta con chi?

Qualche capriola, che sia servita o meno a saltare da una parte del fosso all’altra, l’abbiamo già vista. Durante la consiliatura e nelle ultime ore: il conto dei cambi di casacca fa trentadue. Tanti quanti sono gli ospiti dell’assise di Palazzo Spada. E non è che queste elezioni siano un fatto unico. Basta volgere lo sguardo indietro e contare i numeri delle Amministrative 2018 o, ancora meglio, delle suppletive per il Senato di un paio di anni dopo. D’altra parte, saltare sul carro del vincitore, o presunto tale, è sport praticato ad altissimi livelli in tutte le province del regno italico. Quindi, perché non farlo anche a Terni?

Ad oggi a Terni abbiamo sette candidati sindaco e qualche centinaio di aspiranti consiglieri a fronte di una astensione che potrebbe oscillare fra il 30 ed il 40 per cento. Ossia, andranno alle urne – forse – sette elettori su dieci. Il primo partito rischia di essere quello del non voto, il secondo quello di un sindaco uscente e non riconfermato, del quale bisognerà assegnare l’eredità. Il terzo quello del polo alternativo o dell’Alternativa popolare. E infatti, dietro le quinte c’è qualcuno che ha da un pezzo iniziato a darsi da fare per prendere la rincorsa e fare il salto più lungo fin sopra il carro del vincitore.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Elezioni a Terni con rima: il sondaggio lo vince il ballottaggio e già cominciano le capriole

TerniToday è in caricamento