Francescangeli e le dichiarazioni shock: “Il sindaco fa finta di non sapere, l'ex assessore sia ascoltata dalla commissione Controllo"

Fiorini (Uniti per Terni) non molla: insoddisfatto delle risposte del primo cittadino date nel corso del consiglio straordinario, chiede chiarezza

Le parole del sindaco Latini pronunciate nel corso del consiglio comunale straordinario non hanno soddisfatto le minoranze. E ora Emanuele Fiorini (Uniti per Terni) chiede la convocazione dell'ex assessore al personale Sara Francescangeli in Commissione Controllo, per approfondire le dichiarazioni rilasciate dalla stessa Francescangeli all'indomani del rimpasto di Giunta.

“L'intervento del sindaco – afferma Fiorini - mi ha lasciato perplesso, sia perché si è limitato ad affermazioni di circostanza sia perché la premessa del suo intervento è stata a dir poco anomala. Il sindaco, infatti, ha affermato  non posso dare risposte concrete sulle affermazioni della Francescangeli.  Parole non chiare, ma soprattutto di chi fa finta di non sapere. È il modus operandi del sindaco ad essere non condivisibile, non giustificabile e non in grado di assicurare una progettualità di ampio respiro per la città di Terni.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Deleghe ritirate senza motivazione"

Infatti nel giro di un anno e mezzo ha provveduto a revocare, senza fornire giustificazione alcuna, le deleghe nell'ordine agli assessori Dominici, Cecconi ed in fine Francescangeli, che a mio avviso si erano distinti per il loro operato in favore della città.
Ricordo poi come le deleghe al welfare - che comprendono anche la gestione degli Sprar e dell'integrazione - prima conferite all'assessore Cecconi siano state poi attribuite all'assessore Ceccotti, il quale in Prefettura si occupava proprio dell'immigrazione, facendo così coincidere chi controlla con chi è controllato. Vorrei capire qual è la logica che si nasconde dietro a queste operazioni poco oculate e grossolane.
Le affermazioni della Francescangeli, laddove siano  vere, tracciano un quadro di una  situazione che il sindaco non ha smentito con argomenti concreti.
Per questo ho deciso di chiedere la convocazione per fare chiarezza per il bene della nostra città”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: “Siamo a Terni e non in qualche paese lontano da noi”. La foto scattata all’ospedale fa il giro del web

  • Coronavirus, sospese le lezioni per un’altra scuola di Terni tranne per una classe: “Una mattinata particolare”

  • Risse per le strade di Terni e assembramenti in centro. Con il dpcm non cambia la musica

  • Arriva il dpcm di Conte, ma è scontro con le regioni. La Tesei pensa a un'ordinanza restrittiva

  • "Indossate la mascherina str..zi”: delirio e risate a Radio Deejay. Lo spot in ternano di Francesco Lancia in soccorso del Governo

  • Raccordo Orte-Terni, si apre voragine sulla carreggiata: traffico in tilt ed intervento del personale Anas

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TerniToday è in caricamento