rotate-mobile
Giovedì, 19 Maggio 2022
Politica

L'INTERVENTO | Parla l'assessore Enrico Melasecche sulle sfide per Terni: il nuovo ospedale, la sede dell'Asl, lo stadio e la clinica

Riceviamo e pubbliciamo l'intervento dell'assessore regionale, ternano doc, Enrico Melasecche che ha fatto il punto sulle sfide per la città che la Giunta regionale ha iniziato ad affrontare o affronterà a breve. L'elemento di novità, si spera anche di svolta, del nuovo Ospedale cittadino che è diventato un progetto e non soloa una ipotesi, dopo l'accordo di programma tra Regione e Ministero della Salute, dove è stato fondamentale l'intervento dell'assessore Melasecche e dei consiglieri di maggioranza della Conca. Ma di sfide ce ne sono altre: ecco quali. (il direttore Nicola Bossi)

*****************************

di Enrico Melasecche - Assessore regionale 

Venerdi mattina nel corso della seduta straordinaria a palazzo Donini è stata fra le altre approvata la delibera per l’Accordo di programma tra la Regione dell’Umbria ed il Ministero della Salute, di concerto con il Ministero dell’Economia e delle Finanze per il settore degli investimenti sanitari ex art. 20 l.n. 67/1998. La stessa delibera prevede per la prima volta in un atto ufficiale di giunta una dichiarazione formale e fondamentale, da me proposta, per la quale ringrazio la Presidente Tesei ed il collega Coletto di aver condiviso, che riguarda la realizzazione del nuovo ospedale di Terni. Cito testualmente: “Si evidenzia infine che con Deliberazione n. 207 del 14 dicembre 2021, l’Assemblea Legislativa ha approvato il “Documento di Economia e Finanza Regionale (DEFR) 2022/2024 della Regione Umbria, in attuazione del D.lgs 118/2021 con alcune modifiche ed integrazioni in termini di indirizzo all’esecutivo regionale, tra le quali figura l’impegno a realizzare, nello stesso sito in cui esso oggi si trova, ovvero nel luogo che si dovesse rilevare più idoneo, il nuovo ospedale ad alta specialità di Terni, dotato di circa 500/600 posti letto e di una piattaforma per l’elisoccorso, attivando senza ritardo l’iter progettuale e amministrativo necessario”. 

Ricalca il testo dell’emendamento e di precedenti atti presentati e/o emendati in fasi successive dal sottoscritto e dal consigliere Carissimi per conseguire risultati di riequilibrio in Umbria anche sul fronte delle strutture sanitarie. Perchè? E’ noto che la Sanità negli ultimi venti anni ha rinnovato e concentrato la stragrande maggioranza degli ospedali dimenticando completamente l’area di Terni, Narni, Amelia. Dal Silvestrini di Perugia (con una operazione immobiliare pesante di cui si sta facendo carico la giunta Tesei) a quello di Branca per Gubbio e Gualdo Tadino, da Pantalla per Marsciano e Todi, così per Foligno ed Orvieto. Gira è vero da venti anni il progetto di Cammartana in sostituzione degli ospedali di Narni ed Amelia, entrambi fin troppo decadenti e questa giunta, con il documento approvato tre giorni fa, copre l’impegno economico finanziario per il nuovo ospedale comprensoriale. 

Questo non solo va a colmare in termini di prospettiva le esigenze sanitarie dell’area amerino narnese ma, rivedendo il progetto nato già vecchio che prevedeva la sola riabilitazione e poco più, lo riconverte con funzioni di spoke in diretto raccordo con l’hub di Terni dove l’attuale struttura, insufficiente, insicura sismicamente, obsoleta come funzionalità, costosa come gestione e manutenzione non può continuare a subire l’accanimento terapeutico di decine e decine di milioni di interventi marginali effettuati negli ultimi dieci/quindici anni per rabberciarla alla meglio. Per troppo tempo era tabù parlare di nuovo ospedale di Terni ed appariva questa ipotesi più una provocazione elettorale che una proposta seria, ben conoscendo tutti quali intenzioni aveva allora la politica di palazzo Donini. 

Oggi, viceversa, sul nuovo Ospedale di Terni è in corso di esame da parte della Azienda Ospedaliera una proposta di project financing, analoga a quella del PalaTerni e la gara che ne potrebbe derivare, consentirebbe di colmare entro breve un ritardo ventennale rilanciando anche quella mobilità attiva un tempo fiore all’occhiello dell’Umbria.  Prevede anche, oltre ad una struttura ultra moderna, una piastra per l’elisoccorso ed una rivoluzione nella attuale viabilità di Colle Obito, risolvendo positivamente il problema dei flussi di traffico e dei parcheggi. Costituisce questa la prima delle quattro sfide per Terni fra quelle innumerevoli per tutta l’Umbria che ho lanciato candidandomi in Regione sul tema “Sanità e Sport”. La seconda è costituita dalla richiesta della nuova sede dell’ASL Umbria 2 perchè anche qui altrettanti sprechi ho da sempre denunciato relativamente ad una sede presso gli Uffici Finanziari, costosissima, promessa la nuova da ben quattro consecutive legislature perchè, a causa di un contratto assurdo di locazione, la Sanità regionale si sta dissanguando con canoni eccessivi su cui mi auguro venga posta fine attuando la “città della salute” di cui si favoleggia dai tempi del Direttore Lombardelli. 

Rimangono la terza e quarta sfida, quelle del nuovo Stadio Liberati e della Clinica connessa su cui credo fin dalle prossime settimane la politica regionale, supportata spero da quella comunale, dovrà misurarsi, con senso di responsabilità, equità e visione futura. Continuo a credere e a ripetere, l’Umbria avrà possibilità di riscossa solo e soltanto se prevarrà la solidarietà fra territori rispetto ad un centralismo chiuso che per troppi anni ha caratterizzato le scelte spesso perdenti che ne hanno condizionato lo sviluppo. Ho motivo di credere che l’applicazione corretta delle normative di settore e la nuova politica che governa la Regione possano contribuire a conseguire entro pochi mesi l’avvio dei quattro obiettivi, particolarmente sfidanti ma possibili. Un successo di tutti e per tutti che sconfigge vecchi provincialismi ed egoismi bocciati dalla storia.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'INTERVENTO | Parla l'assessore Enrico Melasecche sulle sfide per Terni: il nuovo ospedale, la sede dell'Asl, lo stadio e la clinica

TerniToday è in caricamento