“Chi chiede l’elemosina, lo fa perché non ha nessun’altra possibilità”

Ordinanza anti-accattonaggio, “picconate” della Cgil contro il Comune: fondamentalismo che punta a colpire i poveri e gli indigenti

Un provvedimento “fondamentalista” che mira a “colpire i poveri e gli indigenti”. Al contrario, ci sarebbe bisogno di una “strutturale visione politica e sociale del tema povertà”.

Dopo l’affondo del vescovo Giuseppe Piemontese, tocca alla Cgil “picconare” l’ordinanza anti-accattonaggio firmata nei giorni scorsi dal sindaco di Terni, Leonardo Latini, che fa il paio con il dl sicurezza licenziato dal Governo .

Sembrerà strano dirlo, ma proprio le parole di Piemontese vengono rilanciate dal sindacato che definisce quelle dello del presule come “un appello davvero laico e lontano anni luce dal fondamentalismo di un’ordinanza che sembra mirare, più che a combattere la povertà, a colpire i poveri e gli indigenti”.

La Cgil rimarca “la necessità di contrastare il degrado urbano, favorendo una migliore vivibilità cittadina” come “un argomento caro a tutti, di cui un’amministrazione si deve occupare. Tuttavia – dice la nota diffusa dal sindacato - la risposta data dal primo cittadino non aiuta a risolvere il problema, poiché manca di una strutturale visione politica e sociale del tema povertà, che sta colpendo sempre più famiglie della nostra comunità”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Quello di cui c’è innanzitutto bisogno è di azioni concrete che aiutino chi si trova in condizione di bisogno. Chi chiede l’elemosina - afferma Valentina Porfidi, segretaria confederale Cgil Terni - generalmente lo fa perché non ha nessuna altra possibilità. Spesso si tratta di persone che hanno semplicemente perso il lavoro e che sono finite in strada perché prive di qualsiasi reddito. Dovrebbe essere superfluo ricordare che la solidarietà è uno dei principi fondamentali della nostra democrazia, tanto da essere sancita come dovere inderogabile dalla nostra Costituzione, ma evidentemente ce lo si dimentica facilmente. Non vorremmo dover constatare di trovarci di fronte a una nuova politica dei due tempi che prima mette in strada per persone attraverso decreti nazionali, per poi multarle o arrestarle attraverso provvedimenti come questo”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: “Siamo a Terni e non in qualche paese lontano da noi”. La foto scattata all’ospedale fa il giro del web

  • Risse per le strade di Terni e assembramenti in centro. Con il dpcm non cambia la musica

  • Arriva il dpcm di Conte, ma è scontro con le regioni. La Tesei pensa a un'ordinanza restrittiva

  • Addio a Maria Chiara. Mons. Piemontese: "Non esiste un'app "Immuni" per la droga. La felicità è altrove"

  • Ospedale di Terni, ulteriore stretta sugli accessi: i provvedimenti attuati per limitare la diffusione del Coronavirus

  • "Indossate la mascherina str..zi”: delirio e risate a Radio Deejay. Lo spot in ternano di Francesco Lancia in soccorso del Governo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TerniToday è in caricamento