Martedì, 3 Agosto 2021
Politica

Ospedale di Terni, una nuova struttura grazie alle risorse del Meccanismo Europeo di Stabilità. Parte la petizione popolare

I consiglieri del Partito Democratico Francesco Filipponi e Tiziana De Angelis impegnano sindaco e giunta con un atto di indirizzo a riguardo

foto di repertorio

Sono state settimane piuttosto intense, sul fronte del dibattito politico, legate al tema della sanità. Da più parti infatti si è ragionato sulla possibilità di costruire una nuova struttura ospedaliera a Terni, in un contesto assai più ampio che riguarda la cosiddetta ‘Umbria sud’. I consiglieri Francesco Filipponi e Tiziana De Angelis, annunciando anche una petizione popolare, impegnando sindaco e giunta sul delicato tema.

“Nella nostra città, anche per l’impatto moderato che la pandemia ha avuto, il servizio sanitario ha retto la fase emergenziale – premettono i consiglieri del PD - dimostrando false le affermazioni elettorali del centro destra che parlavano di un sistema inefficiente e piegato a favori ed interessi politici. Grazie alla meritevole iniziativa della Direzione generale - aggiungono - sono stati fatti tamponi sia al personale che ai degenti, permettendo anche l’individuazione di asintomatici. I medici di medicina generale e pediatri di libera scelta e guardia medica della provincia di Terni hanno fatto il tampone grazie all’Ordine dei medici provinciale”.

Le richieste dei consiglieri

I consiglieri quindi chiedono: “Che la Regione Umbria conduca una battaglia a sostegno della richiesta di accesso ai fondi finanziari messi a disposizione dal Meccanismo Europeo di Stabilità e per utilizzare quelle risorse per completare e modernizzare la rete regionale dei servizi”. A tal proposito Filipponi e De Angelis sollecitano l’amministrazione: “Ad attivarsi con la Regione per la realizzazione del nuovo ospedale della conca ternana, ad alta specialità e dotato di circa 5/600 posti letto”. Inoltre: “A proseguire e a sollecitare l’iter per la città della salute di Terni, con una pluralità di funzioni ossia la sede della Usl Umbria 2, dei suoi servizi amministrativi e sanitari, permettendo un importante risparmio sugli affitti. Una sede del 118 e delle associazioni di volontariato attive nel campo del soccorso e del trasporto sanitario: Croce rossa – Pubblica assistenza. Infine una sede di una RSA e dell’elisoccorso” altra questione al centro del dibattito politico, ricordando l’ultimo atterraggio di un mezzo avvenuto lo scorso anno.

Gallery

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ospedale di Terni, una nuova struttura grazie alle risorse del Meccanismo Europeo di Stabilità. Parte la petizione popolare

TerniToday è in caricamento