Partito democratico, Sandro Corsi:"Mi dimetto da vicepresidente regionale ma non certo dal Pd"

Le motivazioni e dichiarazioni post inchiesta sulla sanità: "Ho rimarcato la personale vicinanza agli indagati nell'augurio di chiarire le loro rispettive posizioni già in sede di interrogatorio di garanzia"

Sandro Corsi

"Nell'ultima direzione regionale ho rimarcato la personale sincera vicinanza verso gli indagati nell'augurio di chiarire le loro rispettive posizioni già in sede di interrogatorio di garanzia ottenendo magari, su valutazione del giudice o successivamente nel riesame, la remissione delle misure cautelari". Il membro della direzione Pd Sandro Corsi interveniene a seguito dell'inchiesta sulla sanità in Umbria che ha portato alle dimissioni del presidente della regione Catiuscia Marini, oltre che dell'assessore alla sanità :"Cio'e' stato per Luca Barberini,che dovrà affrontare indubbiamente i successivi  giudizi e ne sono felice per lui,la sua famiglia e per quei pochissimi(da decenni) e sparuti veri garantisti nella sinistra sia regionale che nazionale. Con ciò non tocco di un nulla il doveroso quanto importante e meritorio lavoro che la magistratura requirente sta facendo anzi ho valutato non opportuna ne produttrice di alcuna positività politica né credo per altro la conferenza stampa della presidente Marini e questo rispetto credo di averlo dimostrato in percorsi già noti. No, voglio solo con ormai quarantennale ostinazione ribadire l'inviolabilità,per tutti,del principio costituzionale(art27)secondo cui un imputato, qualunque esso sia, non è colpevole sino alla sentenza. E' il metro che ho usato, pubblicamente, in tante situazioni, Tortora,Del Turco,Penati,Marino.. sia che riguardassero il PD sia altre forze vicine od opposite o comuni cittadini ed in ciò "confesso"di essere anche un sostenitore del partito Radicale e di Radio Radicale che in questi giorni subisce la perdita del suo grande e colto fondatore Massimo Bordin.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La magistratura sia requirente che giudicante ha bisogno,per far bene ed autonomamente il proprio giusto lavoro che la politica, nell'equilibrio dei poteri, mantenga alta la sua dignità e non utilizzi essa, non la magistratura, gli avvisi di garanzia e le notizie connesse al percorso giudiziario per colpire nemici esterni o interni esibendo un garantismo "alla carta" ovvero assoluto per i propri prossimi o trasformandosi in truculenti Torquemada accusatori(Salvini,Di Maio..) contro nemici esterni o interni e magari può accadere che a distanza di poco tempo non vi sia stata la giusta difesa politica di  atti politici,sempre in Umbria, semplicemente perché connessi ad inchieste. - sottolinea Sandro Corsi - Il tema vero e’,in Italia come in Umbria,la ri-edificazione di una etica pubblica che viene prima della politica e riguarda tutti noi cittadini,pubblici ufficiali,professionisti,politici anche ecclesiastici ed e’ insipido che qualcuno si atteggi a novella ed aitante Giovanna d’Arco senza l’indubbia e verginea castità della “pulzella d’ Orleans”ma somigliando alla più trasformistica Maga Mago’ di Disney e indubbiamente  avanti “nuove generazioni “ ma formate alla politica come servizio non a noti esempi di incoerente arrivismo. Con questo sarebbe assurdo negare le responsabilità nelle scelte politiche sia nei meriti che negli errori ma su ciò son gli elettori che debbono esprimersi nelle naturali scadenze elettive ed in Umbria con un PD che avrebbe dovuto dimostrare di aver capito, da prima dell'inizio inchiesta, la necessità di una rivoluzione in se per essere dalla parte davvero degli ultimi, degli attesi  profili di salute e buona amministrazione e probabilmente e forse giustamente saremmo stati comunque sconfitti ma non per la dovuta azione della magistratura ma perché si è amministrato male. Ed è in ragione - chiosa l'esponente Pd -  di questa annosa vacuità di cultura genuinamente garantista e libertaria che certo ha dimostrato per ultimo il segretario Zingaretti e parimenti Renzi con Marino ma che riguarda anche tanta a noi cara sinistra e che porta troppo spesso ad un amorale ed interessato utilizzo di questioni morali e giudiziarie che ho comunicato le mie dimissioni da vicepresidente regionale del PD dell'Umbria ma non certo dal PD per continuare una battaglia civile di cultura riformista"

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: “Siamo a Terni e non in qualche paese lontano da noi”. La foto scattata all’ospedale fa il giro del web

  • Risse per le strade di Terni e assembramenti in centro. Con il dpcm non cambia la musica

  • Arriva il dpcm di Conte, ma è scontro con le regioni. La Tesei pensa a un'ordinanza restrittiva

  • Addio a Maria Chiara. Mons. Piemontese: "Non esiste un'app "Immuni" per la droga. La felicità è altrove"

  • Ospedale di Terni, ulteriore stretta sugli accessi: i provvedimenti attuati per limitare la diffusione del Coronavirus

  • Covid, un’altra giornata di contagi: due casi nell’ex zona rossa di Giove, Terni in controtendenza

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TerniToday è in caricamento