Mercoledì, 28 Luglio 2021
Politica

Il sindaco De Rebotti lancia 18 progetti per il “recovery Narni”: proposte, dettagli ma anche polemiche

Da Cammartana al raccordo Terni-Orte, si comincia con la viabilità. “Avremmo voluto presentare progetti territoriali, ma la nostra richiesta è rimasta fino ad oggi inascoltata”

Chi fa da sé, non sempre fa per tre. E tre, non è un numero a caso. “La nostra intenzione sarebbe stata di presentare progetti territoriali, che avessero un senso non solo per il nostro Comune ma per l’intera area del Ternano-Narnese-Amerino. Questa richiesta, ad oggi rimasta inascoltata, ci costringe a presentare questo piano con numerosi interventi che riguardano comunque gli aspetti della economia, sanità, mobilità del territorio”.

A parlare, attraverso la sua pagina facebook, è Francesco De Rebotti, sindaco del Comune di Narni, che annuncia di avere spedito alla Regione Umbria la “proposta di utilizzo delle risorse del Piano nazionale di ripresa e resilienza europeo” all’interno della quale sono stati illustrati “18 progetti chiari, cantierabili, divisi per aree tematiche”.

Il riferimento di De Rebotti è all’appello che nelle scorse settimane il sindaco di Narni lanciò al collega di Terni, Leonardo Latini, invocando l’avvio di un percorso di collaborazione fra le due realtà per progettare insieme tutta una serie di iniziative che, a partire dall’esperienza dell’area di crisi complessa, potesse traghettare il territorio nel suo complesso non solo nel prossimo futuro e dunque verso le risorse che arriveranno in Umbria dal recovery plan, ma sancisse la costruzione di un sistema integrato che, seppure senza cancellare i confini amministrativi, riuscisse a mettere insieme le prospettive politiche del Ternano-Narnese.  

Appello che però, almeno così dice De Rebotti, ad oggi è rimasto “inascoltato”. E dunque Narni, balla da sola. Anche se il principio di fondo dei progetti, sembra restare lo stesso. Ossia, avere un respiro che vada oltre i confini territoriali.

Tant’è vero che la proposta numero 1 tratta il tema della “viabilità di collegamento all’ospedale comprensoriale Narni-Amelia sulla Sr Amerina-raccordo Terni Orte”.

La questione viabilità-ospedale comprensoriale è stata messa al centro del dibattito fin da subito da De Rebotti, che ora scende nei dettagli parlando di “progetto di grande rilievo, in collegamento con il progetto esecutivo del nuovo ospedale di Narni-Amelia che necessita di un nuovo e più consistente sistema di accesso e transito nella zona di Cammartana”, al confine tra Amelia e Narni.

“Lo studio di fattibilità, in attesa della progettazione in capo a Regione o Usl, ha previsto un raddoppio dell’asse viario ed un raccordo a monte (rotonda in innesto a svincolo della E-45) ed a valle. Il progetto di viabilità non è ricompreso nel progetto esecutivo del nuovo ospedale essendo limitata, la progettazione, alla viabilità interna”.

“Per questo – spiega il sindaco di Narni - si propone il finanziamento dell'opera nel piano nazionale di rilancio e resilienza come infrastruttura determinante per il nuovo ospedale e per la viabilità del territorio a cavallo di Narni e Amelia”.

Secondo le stime di De Rebotti, il costo stimato dell’opera è di due milioni di euro, mentre i tempi di realizzazione potrebbero essere attorno ai 36 mesi.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il sindaco De Rebotti lancia 18 progetti per il “recovery Narni”: proposte, dettagli ma anche polemiche

TerniToday è in caricamento