La proposta: mai più metadone consegnato ai pazienti, venga somministrato solo nelle strutture sanitarie

La senatrice Alessandrini (Lega) presenta un disegno di legge dopo i fatti che hanno portato alla morte di due adolescenti a Terni: impedire che le sostanze vengano condotte al di fuori dei Sert

“Nei casi di prescrizione di medicinali per il trattamento degli stati di tossicodipendenza da oppiacei, la somministrazione dei medicinali stessi dovrà avvenire da parte del servizio di cura esclusivamente presso le strutture pubbliche o private autorizzate al trattamento dei pazienti e non sia in alcun modo consentita la consegna dei medicinali direttamente al paziente”. È questo il cuore del disegno di legge depositato dal senatore ternano della Lega, Valeria Alessandrini. Il ddl, composto da un solo articolo, è stato sottoscritto dai senatori del carroccio.

Valeria Alessandrini Lega-2“Il fenomeno delle tossicodipendenze rappresenta una piaga per la società contemporanea – spiega il senatore Alessandrini – Per combattere tale fenomeno, il sistema sanitario nazionale ha predisposto dei servizi atti alla cura delle tossicodipendenze, denominati Servizi per le tossicodipendenze (Sert), impegnati prevalentemente nella cura dei pazienti tossicodipendenti, ai quali vengono somministrate varie terapie psichiatriche, psicologiche e farmacologiche. Una delle terapie adottate per i pazienti colpiti da dipendenza da sostanze oppiacee è la somministrazione di metadone”.

“Il metadone è un farmaco di origine sintetica, con proprietà simili a quelle degli oppiacei e viene utilizzato nella terapia di disintossicazione di pazienti dipendenti da eroina, morfina o altre sostanze oppiacee. Può essere somministrato esclusivamente in casi particolari, previa prescrizione medica, e solo sotto attenta supervisione da parte del personale sanitario. Gli effetti collaterali prodotti sono molteplici ed alcuni anche abbastanza gravi. È pertanto preoccupante che vi siano diversi casi di diffusione di metadone al di fuori dei centri medici. Di recente, un tragico episodio collegato alla cessione di metadone ha colpito la comunità ternana, ma vicende di cronaca legate alla diffusione all’esterno di questa sostanza sono note in tutto il Paese”.

“È quindi indispensabile porre un argine a tale fenomeno, mantenendo inalterati i livelli di cura e assistenza esistenti, ma impedendo che le sostanze somministrate o comunque prescritte presso i Sert vengono condotte al di fuori delle strutture e messe a disposizione di soggetti ai quali non siano state prescritte. Il disegno di legge – conclude il senatore leghista – si pone l'obiettivo di evitare tali fenomeni prevedendo che, nei casi di prescrizione di medicinali per il trattamento degli stati di tossicodipendenza da oppiacei, la somministrazione dei medicinali stessi debba avvenire da parte del servizio di cura esclusivamente presso le strutture pubbliche o private autorizzate al trattamento dei pazienti e che non sia in alcun modo consentita la consegna dei medicinali direttamente al paziente”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: “Siamo a Terni e non in qualche paese lontano da noi”. La foto scattata all’ospedale fa il giro del web

  • Nuova ordinanza restrittiva: “Chiusura domenicale dei centri commerciali e attività di vendita. Limitazioni per cerimonie e stop allo sport”

  • Coronavirus, sospese le lezioni per un’altra scuola di Terni tranne per una classe: “Una mattinata particolare”

  • Risse per le strade di Terni e assembramenti in centro. Con il dpcm non cambia la musica

  • "Indossate la mascherina str..zi”: delirio e risate a Radio Deejay. Lo spot in ternano di Francesco Lancia in soccorso del Governo

  • Arriva il dpcm di Conte, ma è scontro con le regioni. La Tesei pensa a un'ordinanza restrittiva

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TerniToday è in caricamento