Bullismo omofobico, la replica di Omphalos: “Ipocrisia che nasconde la volontà di bloccare il fenomeno della discriminazione sessuale”

Botta e risposta con i consiglieri di centro destra Ricci, Squarta e De Vincenzi. Bucaioni: “Dichiarazioni vergognose ed irrispettose per la nostra università”

“Le dichiarazioni dei consiglieri di centro destra ci lasciano allibiti – dichiara Stefano Bucaioni, presidente di Omphalos – ancora una volta assistiamo al tentativo di bloccare qualsiasi intervento che abbia l’obiettivo anche solo di conoscere e far emergere la piaga dell’omofobia e del bullismo omofobico, specialmente nell’ambiente scolastico. La ricerca scientifica, studiata e condotta dall’Università di Perugia e in particolare dal dipartimento di Filosofia, Scienze Sociali, Umane e della Formazione, grazie al prezioso impegno del professore Federico Batini, è uno strumento importantissimo per analizzare il fenomeno del bullismo omofobico e della sua correlazione con altri tipi di discriminazione, come il razzismo e il sessismo, all’interno delle scuole della nostra Regione”.

Si aggiunge una nuova voce al botta e risposta sul questionario sull’omofobia: a rispondere ai consiglieri regionali di centro destra Ricci, Squarta e De Vincenzi, è l’associazione Omphalos Lgbti: “Nel 2017, durante la discussione della legge regionale contro l’omo-transfobia – aggiunge Bucaioni – gli stessi consiglieri di centro destra che ora attaccano questa ricerca si opponevano alla legge lamentando l’assenza di dati che potessero giustificare una normativa contro le discriminazioni omofobiche e transfobiche, ignorando già ricerche nazionali, studi di osservatori delle forze dell’ordine e dati ISTAT. Ora che la Regione Umbria e l’Università degli Studi di Perugia si impegnano in una ricerca scientifica sul tema nel territorio regionale, gli stessi consiglieri l’attaccano con argomentazioni inesistenti. Questa è pura ipocrisia. Ipocrisia che nasconde l’esplicita volontà di bloccare qualsiasi argine al fenomeno della discriminazione per orientamento sessuale e identità di genere”.

Un accordo siglato nel 2017 – ricordano – a seguito dell’approvazione della legge regionale 3/2017 contro l’omo-transfobia, tra Università degli Studi di Perugia, Ufficio Scolastico Regionale, Ufficio per il Garante dell’Infanzia e dell’Adolescenza della Regione Umbria e Omphalos LGBTI, che prevede di acquisire, all’interno di un disegno di ricerca, conoscenze approfondite e scientificamente fondate sul fenomeno del bullismo omofobico nelle scuole del territorio regionale.

“Pur di bloccare qualsiasi intervento sul tema delle discriminazioni – conclude Bucaioni – i consiglieri regionali di centro destra arrivano a definire una ricerca scientifica dell’Università degli Studi di Perugia, con tanto di metodi internazionalmente validati da decine di istituti di ricerca, come “proselitismo”. Dichiarazioni che oltre ad essere vergognose sono irrispettose dell’autorevolezza e dell’autonomia della nostra Università e di chi vi lavora. Siamo stanchi dei soliti personaggi che dietro a dichiarazioni di facciata su come sia giusto combattere le discriminazioni e il bullismo, nascondono invece la loro battaglia contro le persone gay, lesbiche, bisessuali, trans* e intersex. Chi per un briciolo di visibilità, chi invece perché approdato in politica con il solo scopo di imporre a tutti i dettami della propria religione”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si tornerà in "zona arancione". Domani l'ordinanza che farà retrocedere l'Umbria

  • Lutto a Terni, è scomparso Mauro Moretti noto ristoratore di una storica attività del territorio

  • Esce dall'auto e poco dopo si accascia a terra e muore. Un sabato pomeriggio drammatico a Ferentillo

  • Non paga la dose di cocaina al pusher ed è costretto a cedergli i suoi valori personali. La polizia intrappola un 25enne di Orvieto

  • La profumeria ecobio e l’idea creativa di un’imprenditrice ternana: “Ispirata da una filosofia di vita”

  • Terapie intensive, ricoveri ordinari e indice Rt: ecco perché l’Umbria rischia il “cartellino” arancione

Torna su
TerniToday è in caricamento