rotate-mobile
Mercoledì, 17 Agosto 2022
Politica

“Un consiglio straordinario per discutere la situazione finanziaria del Comune di Terni”

La richiesta delle opposizioni a Palazzo Spada dopo la “sentenza Unicredit”: “C’è il rischio che l’ente si trovi con uno scoperto di oltre 12 milioni, serve subito un piano di rientro”

Una seduta straordinaria del consiglio comunale per discutere sulla situazione finanziaria del Comune di Terni, anche alla luce della sentenza sull’anticipo di tesoreria. Lo chiedono i gruppi consigliari di opposizione Senso civico, M5S, Pd e Terni Immagina.

“Con la sentenza 41 del 23/03/2022 e del 11/05/2022, la Corte di conti dell’Umbria - scrivono le opposizioni - ha rigettato il ricorso proposto dal Comune di Terni contro Unicredit al fine di condannare quest’ultima, nella sua veste di tesoriere dell’ente, alla restituzione delle anticipazioni di tesoreria pari ad oltre 12,5 milioni di euro. Le motivazioni della Corte dei conti appaiono in linea con gli orientamenti giurisprudenziali più volte richiamati all’attenzione dell’amministrazione comunale da parte delle consigliere e dei consiglieri di opposizione. Tali orientamenti avrebbero suggerito un comportamento, nel corso di questi quattro anni, difforme da quello posto in essere dall’amministrazione”.

“In particolare ha statuito la Corte che l’anticipazione di tesoreria non riveste la qualifica di credito dell’ente, in quanto consistente in un finanziamento di breve durata, che non include provvista aggiuntiva, ma è indirizzata a sopperire a temporanee carenze di liquidità dell’ente locale. In ragione di ciò, sempre secondo il decisum della Corte – scrivono le opposizioni - la trasformazione surrettizia delle anticipazioni di tesoreria in forme di indebitamento, confliggerebbe con l’articolo 119, sesto comma, della Costituzione”.

“Ebbene, le argomentazioni addotte sul piano giuridico dal giudice contabile confermano che le condotte politiche poste in essere dall’amministrazione comunale, ai di là di eventuali responsabilità contabili di pertinenza di altri organi, sono state surrettiziamente indirizzate a considerare dette anticipazioni di tesoreria come indebitamento dell’ente, così da strumentalmente ricondurle alla gestione separata affidata all’organismo straordinario di liquidazione, utilizzando risorse che dovevano, differentemente, essere accantonate”.

“I bilanci fin qui approvati, di conseguenza – è spiegato nella nota - risentono di una rappresentazione della situazione economica e finanziaria dell’ente difforme da quella reale e impongono l’immediata predisposizione di un piano di rientro al fine di salvaguardare l’amministrazione locale. Un comportamento diligente e non propagandistico, avrebbe infatti imposto all’amministrazione comunale di considerare le poste dovute ad Unicredit nel bilancio ordinario, onde evitare che l’ente si debba improvvisamente trovare con uno scoperto finanziario di oltre 12 milioni di euro. Diversamente, l’amministrazione comunale ha agito in questi anni con strumentalità, alterando la situazione effettiva e rischiando di compromettere nuovamente la stabilità finanziaria dell’ente”.

“La possibilità di eventuali giudizi di gravame, il cui esito è comunque incerto, non può esonerare l’amministrazione comunale dall’approntare immediatamente un piano di rientro condiviso con tutto il consiglio comunale”.

Le opposizioni chiedono che la seduta straordinaria abbia il seguente ordine del giorno: “Comunicazioni del sindaco e dell’assessore delegato sulla sentenza; ricognizione dell’utilizzo, nel corso dei trascorsi quattro anni, dei mutui vincolati lasciati dalla precedente amministrazione politica e comunicazioni dell’assessora ai lavori pubblici; predisposizione di un piano di rientro per l’assestamento del bilancio comunale, nella prospettiva di una soccombenza definitiva dell’ente nei confronti di Unicredit”.

Infine viene richiesto a sindaco, giunta e assessore competente di “predisporre entro 60 giorni dall’approvazione del presente atto, un piano di rientro per il recupero dell’importo di 12.521.217,17 euro entro e non oltre la scadenza della consiliatura”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

“Un consiglio straordinario per discutere la situazione finanziaria del Comune di Terni”

TerniToday è in caricamento