Sabato, 31 Luglio 2021
Politica

Rimpasto e politica locale. Fermento a Palazzo Spada: “Andare oltre le rivendicazioni dei singoli partiti”

Atteso l’annuncio del sindaco Latini sulle novità in giunta. La riflessione di Giovanni Ceccotti e Lorenzo Bartolucci (Coordinamento Terni Civica); Michele Rossi (Capogruppo Terni Civica) e Doriana Musacchi (Gruppo Misto)

È trascorso (quasi) un mese dall’annuncio, da parte di Leonardo Bordoni, di rassegnare le dimissioni dall’incarico di assessore con deleghe, tra le altre, alla viabilità ed urbanistica. Diverse le riunioni che si sono susseguite, nel corso di questo periodo, per cercare di trovare una soluzione adeguata e permettere alla giunta di poter tornare nel pieno delle proprie funzionalità. Nonostante la soluzione sembra essere vicina al momento, però, il sindaco Leonardo Latini non ha ancora sciolto le riserve. In tal senso Giovanni Ceccotti e Lorenzo Bartolucci (Coordinamento Terni Civica); Michele Rossi (Capogruppo Terni Civica) e Doriana Musacchi (Gruppo Misto) esprimono la loro posizione su quanto sta accadendo ed i possibili scenari di breve periodo.

“Riteniamo opportuno che in questa fase il sindaco operi una riflessione complessiva sull'azione amministrativa, andando oltre le rivendicazioni dei singoli partiti che rischiano di bloccare la composizione della nuova giunta. La città necessita di scelte che tengano conto dell'interesse generale andando oltre le convenienze del momento di uno o dell'altro partito politico” affermano in una nota.  

Una possibile soluzione per sbloccare l’impasse: “Per questo risulterebbero importanti nuovi coinvolgimenti, che possano portare idee ed entusiasmo per ridare slancio a questa esperienza amministrativa con l'apporto di figure in grado di garantire competenza , impegno e passione; riteniamo che sia fondamentale coinvolgere persone esterne ai partiti, che magari non avranno numeri politici per imporsi sugli altri, ma che quotidianamente  dimostrano di dare generosamente contributi di qualità e di capacità, fuori e dentro lo stesso consiglio comunale. Continuiamo ad essere convintamente al fianco di un primo cittadino che non rincorre le sole soddisfazioni dei partiti, ma che è libero decisore delle migliori scelte per la città. Continuiamo a credere in un impegno politico dove la differenza la fa il singolo, le qualità e la voglia di fare e dove non conta solo la mera fedeltà al partito e i numeri del consenso, reale o presunto, dello stesso”.

Secondo Bartolucci, Ceccotti, Rossi e Musacchi: “Vogliamo credere fino all' ultimo che responsabilmente questa maggioranza, in cui lealmente ci siamo sempre riconosciuti, sarà capace di non blindarsi su sé stessa ed andare oltre le singole richieste e convenienze dei sodali politici più grandi. Non serve lasciarsi tentare, come già accaduto più volte in passato, dalla soluzione più comoda, ossia premiare solo le mere logiche di partito, perché sarebbe anche la più inefficace. Come in tante altre occasioni – chiudono - già vissute, non vorremmo che alla fine i possibili migliori apporti per la città restino esclusi e lasciati da parte perché alcune logiche andranno poi a premiare altro.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rimpasto e politica locale. Fermento a Palazzo Spada: “Andare oltre le rivendicazioni dei singoli partiti”

TerniToday è in caricamento