rotate-mobile
Domenica, 14 Aprile 2024
Politica San Gemini

Turismo, energia, scuola e cultura: da oggi c’è Più Umbria, una “spalla” per le istituzioni

Presentata l’associazione presieduta dall’imprenditore Antonio Tacconi: “Un gruppo di lavoro apartitico che lavora al fianco delle amministrazioni locali con un respiro nazionale e internazionale”

Presentata oggi l’associazione culturale Più Umbria. Alla conferenza stampa di presentazione erano presenti il presidente dell’associazione, Antonio Tacconi, i soci fondatori e membri dell’associazione Vanio Ortenzi, Piero Zannori, Manuela Stefoni, Andrea Venturi, Massimo Ponteggia, Gianluca Gambini, Omero Mariani, Marco Giovannini, Alessandro Betti, Enrico Cascioli.

L’associazione, senza fini di lucro e con finalità civiche, solidaristiche e di utilità sociale, si pone l’obiettivo di sviluppare proposte e progetti specifici partendo dal comune di San Gemini per intercettare tematiche europee e porle all’attenzione dell’amministrazione locale, istituendo un ponte tra la realtà territoriale e quella non solo nazionale, ma internazionale.

“L’associazione Più Umbria nasce dalla volontà di creare un gruppo di lavoro che possa rappresentare non solo uno stimolo alle amministrazioni locali - afferma Tacconi - ma anche un momento di proposta rispetto al lavoro degli enti locali. Più Umbria è un’ associazione apartitica, che mira a occuparsi del bene comune in maniera propositiva, senza eccessi, con l’idea di far crescere il territorio e poter rappresentare una spalla per le amministrazioni comunali”.

“Partendo dal Comune di San Gemini - sostiene Manuela Stefoni - vogliamo allargare il nostro raggio d’azione non solo all’Umbria ma fuori dai confini regionali, puntando alla dimensione nazionale e internazionale. Il nostro gruppo di lavoro, tra i vari obiettivi che persegue, intende intercettare le tematiche europee che troppo spesso rimangono lontane anni luce dai territori locali, avvicinandole in questo modo a noi, rendendole più aderenti alle esigenze dei singoli territori. Abbiamo, dunque, una vocazione europea per le progettazioni di idee di sviluppo che possano sfruttare canali europei di finanziamento e sostegno”.

Durante la conferenza stampa sono state illustrate le aree tematiche di cui l’associazione si occuperà tramite l’istituzione di apposite commissioni. In particolare: la commissione turismo, commercio, ambiente e decoro avrà il compito di valorizzare le risorse naturali, culturali e storiche; promuovere il turismo responsabile collaborando con imprese locali, agricoltori, artigiani e altre attività commerciali al fine di creare partnership che possano arricchire l’offerta turistica e beneficiare l’economia locale; organizzare mostre e convegni, stabilire collaborazioni con enti culturali, associazioni locali, università o esperti del settore per arricchire il contenuto delle medesime.

Per quanto riguarda la commissione energia, sviluppo economico e urbanistica punterà in particolare sull’autonomia energetica territoriale, inoltre, si occuperà della identificazione delle aree con maggiori inefficienze energetiche attraverso il coinvolgimento attivo dei cittadini in tale processo. Sensibilizzerà la collettività sull'importanza di temi quali il risparmio energetico, l’efficienza energetica, la decarbonizzazione e sosterrà le iniziative riguardanti la riduzione dei consumi e la creazione delle Comunità Energetiche Rinnovabili.

La commissione agricoltura punterà sulle diverse iniziative per sostenere gli agricoltori locali e promuovere lo sviluppo agricolo sostenibile nella zona con la creazione di programmi di informativa on line e on site per il sostegno finanziario tramite collegamenti con le varie organizzazioni per le sovvenzioni, agevolazioni fiscali o finanziamenti agevolati per gli agricoltori locali che adottano pratiche sostenibili o investono in tecnologie moderne; promuovere la collaborazione con istituti di ricerca o università per promuovere la ricerca e l'innovazione nel settore agricolo locale, incoraggiando lo sviluppo di nuove tecniche o soluzioni adatte alla realtà di San Gemini.

Ultimo aspetto ma non meno importante: l’istruzione tramite un’apposita commissione scuola, cultura, sociale che si occuperà di una varietà di attività legate all'ambito educativo, culturale e sociale per promuovere il benessere della comunità. Svilupperà iniziative educative, programmi di tutoring, corsi di formazione, supporto agli studenti, promozione della lettura e dell'alfabetizzazione; organizza eventi culturali, mostre, spettacoli, concerti, con lo scopo di promuovere la cultura locale, la diversità e l'arte.

Per il settore sociale, implementerà progetti a beneficio della comunità, servizi di assistenza sociale, promuoverà la solidarietà, l’inclusione sociale, le iniziative per gruppi vulnerabili.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Turismo, energia, scuola e cultura: da oggi c’è Più Umbria, una “spalla” per le istituzioni

TerniToday è in caricamento