Servizio idrico integrato, è scontro: “Il Comune di Terni è sempre di più la ruota di scorta di Acea”

Il bilancio del Sii passa col voto di soli due comuni su trentadue, affondo del Movimento 5 Stelle: portare i libri in tribunale e smantellare un carrozzone senza trasparenza

Continua a covare sotto la cenere la polemica arroventata sul passato, il presente e – soprattutto – il futuro del Servizio idrico integrato di Terni. Nei giorni scorsi è stato approvato il bilancio del Sii, votato da due comuni (Terni e Polino) sui trentadue dell’ambito e dai soci privati Umbriadue e Acea. Nella stessa assemblea è stato rinnovato il consiglio di amministrazione che dovrà procedere alla nomina del presidente, prima che dal Sii venisse inviata una nuova richiesta ai soci per un versamento di 4 milioni di euro vista la situazione finanziaria dell’azienda.

Gestione politica e conti che mettono in fibrillazione la politica. Già il Partito democratico si è schierato contro la nomina nel cda di Paolo Silveri, ora a prendere la parola è il Movimento 5 Stelle, da sempre critico verso la gestione del Sii.

Che infatti oggi rilancia: “Non è più tollerabile che questa partecipata venga gestita da alcune forze politiche come terra di conquista, come se fosse un parco giochi, in barba ai cittadini che pagano bollette salatissime e fanno file interminabili per riuscire a capire cosa stanno pagando e perché”.

LEGGI | Acqua a peso d’oro, le bollette dei ternani tra le più care d’Italia

“Sono anni che la Sii sfugge al controllo dei suoi soci e dei cittadini - rileva il griuppo consigliare M5S a Palazzo Spada - Anni che rispetto ad affidamenti, consulenze, bandi continua a muoversi senza render conto a nessuno. Ma questo è successo e continua ad avvenire, solo perché a qualcuno sta bene così. Soprattutto a quel centrodestra che doveva cambiare tutto ma che sta dando piena continuità alle peggiori prassi del passato”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Oggi – si conclude la nota - i risultati sono sotto gli occhi di tutti. Debiti, reti idriche colabrodo e bollette tra le più care d’Italia. Un bilancio drammatico che passa solo con 2 voti su 32 comuni, unitamente ai voti di Umbria2 (Acea) ed Asm.  Dimostrando quanto il comune di Terni sia sempre più la ruota di scorta di Acea”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bonus prima casa, fino a quarantamila euro a fondo perduto: c'è il bando, domande fino al 15 ottobre

  • Investimento da 4 milioni, mille clienti al giorno e posti di lavoro: apre un nuovo supermercato

  • Lugnano, un'edicola acquistata da un mese già rischia di chiudere: "Mi avevano detto che era tutto a posto"

  • Rissa in pieno centro a Terni tra lo stupore dei passanti, giovane trasportato all’ospedale

  • Chiude storica attività commerciale di Terni: “Un punto di ritrovo per i tifosi e i frequentatori del mercatino”

  • Flavio e Gianluca, la “lezione” non è servita. E il metadone di Terni continua a fare “vittime”

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TerniToday è in caricamento