menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
sindacati

sindacati

I sindacati metalmeccanici di Terni: "Confindustria si sottrae al confronto"

"Testimonianza di questo atteggiamento - sostengono dalle Rsu- è la mancata risposta alla richiesta sindacale di un confronto sull’andamento del settore metalmeccanico"

“Le ripetute denunce delle Rappresentanze sindacali unitarie – si legge in una nota diffusa in serata da Fim-Cisl, Fiom-Cigl, Uilm, Fismic, Ugl -  nelle principali imprese metalmeccaniche della provincia sul sistema scorretto di relazioni industriali in essere costituiscono una criticità evidente per l’insieme dei rapporti sindacali territoriali. E’ evidente come ormai sia in atto un tentativo di esclusione della rappresentanza sociale del lavoro da parte delle imprese finalizzato a sottrarsi ai confronti e a sfuggire dalle responsabilità. La stessa Confindustria che dovrebbe svolgere un ruolo istituzionale di raccordo e rappresentanza troppo spesso avalla scelte industriali e sostiene politiche gestionali che curano gli interessi specifici di alcuni trascurando l’interesse generale del territorio.

Testimonianza di questo atteggiamento è la mancata risposta alla richiesta sindacale di un confronto sull’andamento del settore metalmeccanico – osservano dalle Rsu - a differenza di altre associazioni datoriali, che hanno da subito dato la loro disponibilità.

In una situazione complicata come quella che il territorio sta attraversando, caratterizzata da difficoltà economiche, produttive ed occupazionali, riteniamo gravi queste disattenzioni.

Dovrebbe essere consuetudine e pratica consolidata il confronto continuo e la condivisione delle strategie tra i soggetti interessati al futuro del lavoro e dei lavoratori di una intera comunità.

Il fatto che ci si sottragga anche ad approfondimenti previsti dallo stesso contratto nazionale dei metalmeccanici sul territorio, testimonia la scarsa qualità di attenzione verso la tenuta complessiva economica e sociale del mondo del lavoro.

Pensiamo che un territorio come il nostro dovrebbe tornare a qualificare il livello di interlocuzione – chiosano i firmatari - soprattutto in situazioni critiche come questa, e non limitarsi ad affrontare caso per caso le specifiche realtà con semplici modalità burocratiche ed assistenziali.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Muore la padrona e restano "orfani". Due gatti cercano famiglia a Terni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TerniToday è in caricamento