rotate-mobile
Mercoledì, 24 Aprile 2024
Politica

Bandecchi bacchetta le opposizioni: “L’unico blocco amministrativo è quello delle minoranze”

Il sindaco di Terni replica alle accuse: “La giunta e i consiglieri di maggioranza non hanno perso un minuto di lavoro assicurando sempre e comunque presenza e continuità amministrativa”. L’assessore Aniello e i possibili passi indietro: illazioni del tutto destituite di fondamento

“L’unico blocco amministrativo è quello che stanno attuando le minoranze, come si è ampiamente visto nei lavori del consiglio comunale e delle commissioni. La giunta dal canto suo e i consiglieri di maggioranza non hanno perso un minuto di lavoro assicurando sempre e comunque presenza e continuità amministrativa. Gli atteggiamenti delle minoranze invece sono incentrati sul blocco dell’attività come si è ampiamente visto anche nel question time”.

A prendere la parola sull’ultima polemica che interessa Palazzo Spada è il sindaco di Terni, Stefano Bandecchi, che ribatte così alle accuse delle opposizioni scaturite dalla seduta del question time. “Le opposizioni avevano a disposizione ben tre assessori, il presidente della assemblea, il segretario generale – rileva il sindaco, proprio in riferimento alla seduta di ieri - C’erano dunque tutte le condizioni per avere le dovute risposte alle loro interrogazioni. Sono state le minoranze a non essere rispettose del tempo e degli impegni della giunta e di tutta l’organizzazione del consiglio comunale che è stato convocato per una seduta che è durata poi pochissimi minuti e non certo per responsabilità della maggioranza”.

“Un rallentamento dell’azione amministrativa – rilancia Bandecchi - che crea un danno all’ente e alla città. Infine, voglio precisare che il giorno di San Valentino non sono potuto essere presente a Terni perché impegnato nel lavoro istituzionale fuori dalla nostra città, in quanto nelle altre realtà non è la festa del santo patrono. La giunta e l’amministrazione comunale sono state sempre e comunque rappresentate in ogni iniziativa dagli assessori e dai consiglieri comunali di maggioranza”.

E, a proposito di giunta e crisi politica, da aggiungere al taccuino delle ultime ore la nota con cui l’assessore all’ambiente di Palazzo Spada, Mascia Aniello, smentisce le voci relative ad un suo possibile passo indietro. “Fantasiosi abbandoni – dice l’assessore – illazioni del tutto destituite di fondamento. Non notizie che risultano oltretutto fortemente offensive non solo nei confronti della sottoscritta, ma anche verso i colleghi e il sindaco stesso”.

Aniello parla perciò di “indebite pressioni mediatiche e pesanti interferenze esterne contro questa straordinaria esperienza politico-amministrativa, diretta dal sindaco Stefano Bandecchi. Smentisco pertanto nel modo più assoluto quanto riportato da alcuni media in queste ore su mie presunte dimissioni, voci probabilmente orientate da quei notabili locali che hanno interesse a ristabilire lo status quo della città-puntino di sempre”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bandecchi bacchetta le opposizioni: “L’unico blocco amministrativo è quello delle minoranze”

TerniToday è in caricamento