menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Terni, coronavirus e turismo: “Quando sarà riaperta la Cascata?”

La domanda del segretario del Pd di Marmore Piccinini: “Mancano indicazioni certe anche rispetto alla possibilità di passeggiare ai Campacci”

È probabilmente la “domanda”, quella con D maiuscola, almeno per quanto riguarda un primo passo verso la ripresa del settore turistico sul nostro territorio. “Quando riaprirà il parco della Cascata delle Marmore?” A chiederlo è il segretario del Pd di Marmore Sandro Piccinini, che affronta a più ampio raggio una questione di certo complessa e da affrontare secondo molteplici punti di vista, relativa sia al principale attrattore turistico della città sia riguardo alla fruizione degli spazi verdi pubblici.

campacci 1-3

Piccinini parte dai Campacci: “Quando sarà possibile ritornare a passeggiare qui, con i dovuti distanziamenti e tutte le cautele del momento? Il mio amico ciclista Antonio può transitare all' interno del parco con la sua bici da solo? I cittadini del luogo vogliono chiarezza, attualmente la comunicazione presente è datata 10 marzo ed è visibile solo davanti alla biglietteria e al sentiero 5. Sulle restanti aree che si può fare? Ci vorrebbe un po' di chiarezza... soprattutto prendendo attoche per ciò che riguarda i parcheggi a pagamento e la rimozione della corsia preferenziale per gli autobus si è proceduto con una velocità spedita…”.
Si passa poi all’area della Cascata, chiusa dal 10 marzo e il cui rilascio, dopo settimane di stop completo, è adesso previsto per un’ora al giorno per non compromettere il microclima del parco. “L’area della cascata quando verrà riaperta? – dice - E con quali modalità? È necessario che da palazzo Spada arrivino risposte…Subito...”.

Sul tema, però, sembra che ancora non si sia arrivati a una soluzione precisa e la possibilità di riaprire il 18, insieme a musei e biblioteche per intenderci, non sembra molto praticabile.

I confronti – virtuali - tra amministrazione comunale e i gestori non mancherebbero e si è tuttora in fase di verifica ed analisi dei presidi, percorsi da aprire e modalità di vendita. Diverse le opzioni al vaglio: un’apertura parziale del parco (probabilmente, almeno in una fase iniziale, il sentiero Pennarossa potrebbe rimanere chiuso), un accesso controllato a piazzale Byron, valutazione rispetto all’accesso all’area escursionistica. Così come si punterebbe a una forte spinta dell’acquisto dei biglietti online, così da limitare al massimo possibili assembramenti in biglietteria, pur nella consapevolezza che le migliaia e migliaia di turisti stranieri, per quest’anno, mancheranno all’appello. Solo ipotesi, al momento, che saranno definite seguendo rigorosamente le indicazioni statali.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TerniToday è in caricamento